Myenergy Viola, il Gm Vita: 'Scelto Cadeo per rifondare il settore giovanile'

"Sicuramente allestiremo una squadra importante come obiettivo principale, ma non penseremo solo a quello" le parole del dirigente neroarancio

Durante la conferenza stampa di presentazione a Palazzo San Giorgio del nuovo coach Giulio Cadeo, il General Manager della Myenergy Viola Fortunato Vita ha esposto i piani della società neroarancio per la prossima stagione cestistica.

Dichiara Vita:

“Intanto ringrazio veramente di cuore il Presidente Laganà perché che mi sta dando questa opportunità di mettermi alla prova per poter costruire qualcosa di importante è ovvio che. Questa opportunità nasce dall’esperienza maturata in lega che mi ha messo nelle condizioni di poter conoscere ambienti e persone importanti dal punto di vista cestistico e dirigenziale, che mi ha fatto accrescere il bagaglio tecnico in modo da poter portare questa esperienza nella società. Questi primi sei mesi da quando sono entrato all’interno del mondo Viola sono serviti per analizzare. Ho sempre detto che è importante la strutturazione per poter programmare risultati importanti. Ora siamo in questa fase, il campionato è finito con importanti risultati raggiunti con una stagione storica dove abbiamo acquisito il primo turno ai playoff. La fase ora è fondamentale perché ci dobbiamo andare a ristrutturare e a programmare per la prossima stagione”.

Spiega Vita:

“Ho sempre detto programmare per i prossimi anni creare una stabilità ma non soltanto dal punto di vista dei risultati, degli atleti, e dei giocatori, ma proprio dal punto di vista societario che è una cosa fondamentale. Dobbiamo creare, lo stiamo facendo, una stabilità dal punto di vista dirigenziale societario con una programmazione una visione sia a stretto giro ma a medio lungo termine”.

Conclude il General manager neroarancio Fortunato Vita

“L’obiettivo che ci siamo prefissati è non pensare soltanto alla prima squadra. Sicuramente allestiremo una squadra importante come obiettivo principale, ma come diceva giustamente il Presidente è quella di andare a rifondare il settore giovanile perché è da lì che noi dobbiamo ripartire. Fin dal minibasket siamo vicini a creare e formare uno staff altamente competitivo. Ecco perché la scelta Con Giulio che come diceva giustamente Presidente da tanti anni ci conosciamo e ho potuto apprezzare la sua visione sia nel modo in cui interagisce con i giovani e con lo staff tecnico. È importante far crescere e formare anche uno staff tecnico di alto livello. Come condividiamo quotidianamente con il Presidente, bisogna cominciare ad alzare il livello tecnico nel nostro territorio da questo punto di vista. L’obiettivo da qui a tre anni è andare a coprire tutte le categorie giovanili ma non soltanto come presenza ma come qualità, perché dobbiamo incominciare a far parlare della Pallacanestro Viola pure a livello di settore giovanile. E non soltanto a livello di risultati sportivi ma di identità, cioè il nostro sogno è quello di far capire e dimostrare che quando scende in campo una squadra giovanile della Pallacanestro Viola si deve vedere sin dai primi momenti. Questo ovviamente ha bisogno di tempo, per portare una cultura sportiva ma non soltanto dal punto di vista degli atleti ma pure dei dirigenti di tutto il movimento. Spero veramente che la città recepisca il messaggio che vogliamo portare, già questo primo passo che è importante. Importante perché già stabilire la figura di Giulio Cadeo fin dal primo giugno ci permette di programmare con tempo e oculatezza tutta la stagione. Sono sicuro che andremo a raggiungere risultati importanti non solo dal punto di vista sportivo, ma dal punto di vista umano e con il territorio”.