'Ndrangheta, Klaus Davi annuncia azioni di guerrilla marketing contro i Tegano

'Noi non facciamo inchini a nessuno', spiega il massmediologo

Klaus Davi annuncia iniziative di guerrilla marketing contro il clan Tegano di Archi, una tecnica all'avanguardia condita da azioni sia sul piano legale che sul piano giornalistico. Azioni di forte impatto che il giornalista definisce senza mezzi termini “di guerrilla”.

"Noi non siamo per gli inchini ai mafiosi e per il rispetto. Ma quale rispetto, per questa gentaglia criminale? Chi la dura la vince, renderemo loro la vita difficile e non dovremmo essere i soli a farlo. Aspettatevi qualche coupe de theatre. Loro si sentoni i padroni di Reggio?  Noi ci impegneremo affinché non sia così".

Lo ha dichiarato Klaus Davi, che poi ha aggiunto: "Paura di loro? Ma se Eddy Branca appena mi ha visto si è nascosto sotto la gonna della moglie. Vedrete, vedrete la scena, presto ci sarà il video. Ma quali grandi boss... Wait and see...”.

L’8 agosto scorso il giornalista fu allontanato dalla cattedrale di Reggio Calabria durante la messa in memoria del defunto boss Giovanni Tegano, accusato di disturbare la famiglia e di essere poco gradito da Angela Tegano.

"Un gesto che costerà molto caro alla zarina di Archi Gallico. Su di noi non comanda e presto lo capirà", ha detto Davi nella nota.