Polistena, Anastasi (IriC) incontra il neo dirigente del Commissariato Casaburi

Il consigliere regionale ha chiesto al già dirigente di Siderno e Bovalino di sopprimere il fenomeno dello spaccio nei pressi delle scuole

Il Consigliere regionale di "Io resto in Calabria", Marcello Anastasi, ha incontrato oggi  il  dr. Carlo Casaburi, originario di Salerno, già Dirigente di Polizia a Siderno, Bovalino e Merano (BZ) e oggi nuovo Dirigente del Commissariato di Polizia di Polistena.

Nel porgergli il suo personale benvenuto e  il suo saluto istituzionale a nome anche dell’intero Gruppo  politico  guidato da Pippo Callipo, Anastasi si è intrattenuto per sollevargli alcune situazioni riguardanti la  sicurezza dei cittadini e per affermare la cultura della legalità quale impegno rispetto al quale non è possibile abbassare la guardia.

“Ho chiesto al dr.  Casaburi – ha dichiarato Anastasi - di prendere a cuore con priorità la questione dei giovani attraverso  azioni di contrasto e di prevenzione al fenomeno del consumo e dello spaccio di  sostanze stupefacenti”.

“Ho anche  posto all’attenzione del nuovo dirigente della Polizia di Stato di Polistena l’accresciuta vulnerabilità,  rispetto al passato, degli adolescenti della Piana di Gioia Tauro, che soprattutto negli ultimi anni ha favorito l’aumento della dipendenza e del consumo di “sostanze stupefacenti”.

Anastasi, da uomo di scuola in quanto Docente  per moltissimi anni presso vari Istituti scolastici superiori del territorio, ha chiesto al nuovo Commissario di voler prendere personalmente a cuore tale problema per garantire uno stato di massima  serenità e di benessere sociale e per prevenire le gravi problematiche che altrimenti potrebbero molto seriamente ricadere  a danno della salute dei ragazzi, compromettendone la loro crescita, e delle loro famiglie in dovere di affrontare le relative  conseguenze anche sul piano economico.

“Una situazione, questa che rende ancora più urgente l’azione di contrasto da parte delle forze di Polizia nei confronti un problema  come quello dell’uso di droga,  in un momento storico particolarmente difficile  dal punto di vista sociale ed economico, con una incombente precarietà che genera  ansia e  solitudine nei  ragazzi, ne mina  il loro l’equilibrio  psicologico ed emotivo. Salvaguardare  la stabilità della salute dei giovani – sostiene  Anastasi - è assolutamente indispensabile per prevenire quei gravi fenomeni di devianza che possono manifestarsi in una fase delicata della loro crescita come l’adolescenza.  Per questo ho anche pregato il neo dirigente PS di Polistena -  ha concluso - di voler monitorare costantemente il territorio per sopprimere il fenomeno dello spaccio e dell’uso di sostanze con assidui controlli in modo particolare nelle vicinanze di istituti scolastici”.