Buona sanità, salvato dai medici del GOM: 'Intendo ringraziare tutti'

"Senza tali interventi veloci e precisi avrei avuto difficoltà a superare lo stato infettivo" il racconto di D.C.

Ristobottega

Per una volta non un caso di malasanità, come sicuramente sono tanti i casi virtuosi che non balzano agli onori delle cronache. Di seguito riportiamo il racconto ricevuto da un nostro lettore, D.C., che ha voluto testimoniare la sua recente esperienza come paziente al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria.

Il signor D.C. si è sentito in dovere di ringraziare i medici e il personale che gli hanno salvato la vita.

Ristobottega

Inizia così la lettera del signor D.C.:

“Il 07/12 alle ore 18,30 circa mi sono presentato al pronto soccorso con uno stato febbrile ed un vistoso rigonfiamento del collo, poi diagnosticato in ascesso tonsillare, in breve tempo sono stato accompagnato in Otorinolaringoiatria”.

Prosegue il racconto di D.C.:

“Al mio arrivo il personale medico e paramedico, nonostante la serata prefestiva, ha proceduto ai primi esami, nel frattempo il primario Dott. Pasquale Cannizzaro (sia pur in ferie) rientrato in reparto con rapidità e professionalità disponeva in rapidissima sequenza un taglio alla gola, per fare defluire il liquido del collo, una TAC e subito dopo un intervento di chirurgia d’urgenza con tracheotomia. Al termine sono stato ricoverato in anestesia per poi completare la terapia in otorinolaringoiatria”.

Il signor D.C. conclude la lettera con i suoi ringraziamenti al personale del Grande Ospedale Metropolitano:

Senza tali interventi veloci e precisi avrei avuto difficoltà a superare lo stato infettivo proveniente dall’ascesso tonsillare di cui ero affetto. Con la presente intendo ringraziare tutto il personale medico e paramedico della otorinolaringoiatria. Infine devo segnala la perfetta sinergia tra il Dott. Cannizzaro ed il Dott. Tescione (rianimazione) per il coordinamento nelle prime ore di decorso post-operatorio”.