Reggio, niente cure per un bambino autistico. Marziale: "Il caso di Matteo arriverà a Mattarella"

"I Commissari che gestiscono l’Asp di Reggio Calabria non hanno provveduto a fornire le cure di cui necessita Matteo". La presa di posizione del Garante Marziale

“Angela Villani, che definirla ‘madre coraggio’ è davvero poco, è dovuta purtroppo scendere in piazza nuovamente perché a tutt’oggi e malgrado i solenni impegni, la terna dei Commissari straordinari che gestiscono l’Asp di Reggio Calabria non ha provveduto a fornire le cure di cui necessita, e ha diritto, il figlio autistico, Matteo, di sei anni”.

Lo afferma in una dichiarazione il Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Calabria, Antonio Marziale.

“Dopo il colloquio e le assicurazioni ricevute lo scorso mese di settembre, Angela ha dovuto prendere atto che nulla finora si è mosso nonostante l’ordinanza del Tribunale di Reggio Calabria che aveva imposto all’Asp l’immediato pagamento a sostegno delle cure di Matteo. A questo punto – conclude il Garante Marziale – se oggi stesso i Commissari straordinari non dovessero ottemperare all’ordinanza del Tribunale, invierò tutta la documentazione del caso all’attenzione del sig. Presidente della Repubblica”.

 

Seguici su telegramSeguici su telegram