Regionali Calabria: Tansi, un piede dentro ed uno fuori dalla coalizione del csx

Il fondatore del movimento civico Tesoro Calabria ha avuto un incontro con la neo candidata del centrosinistra

Il valzer del candidato Presidente sembra essersi evoluto in quello, invece, di chi farà parte della coalizione che, dopo diversi nomi scartati, sarà rappresentata da Amalia Bruni.

Già nella giornata di ieri, quando l'annuncio era nell'aria, ma non ancora confermato, Carlo Tansi aveva espresso grande soddisfazione per la scelta della direttrice del centro di Neurochirurgia di Lamezia Terme. E, all'indomani della prima dichiarazione pubblica della scienziata e della coalizione, l'ex capo della ProCiv ha fatto sapere agli elettori di aver avuto un incontro per un confronto.

Tansi e Bruni: il primo incontro ufficiale

Che la ricercatrice fosse per Tansi la "candidata ideale" lo si era già capito nell'ultimo comunicato diffuso a mezzo stampa dal geologo. Che, presto, anzi prestissimo, ci sarebbe stato un incontro fra i due sembrava cosa un po' meno probabile. Ma il tempo stringe e la data (non ancora fissata) della chiamata alle urne per i calabresi si fa sempre più vicina. Sarà forse questo il motivo che spinto il primo incontro tra i due candidati:

"Stamattina ho incontrato via webinar Amalia Bruni. È  stato un lungo e proficuo incontro nel quale abbiamo condiviso molte idee e ideali su come potere finalmente portare - con trasparenza e competenze - al decollo la Terra che entrambi amiamo con la stessa passione: la regione più bella d’Italia, la nostra Calabria. Abbiamo trovato molti punti in comune nel nostro programma di governo".

Una premessa, quella di Tansi che lascia facilmente intendere una possibile alleanza tra le liste civiche da lui create e la coalizione che vede inclusi il partito democratico ed il partito 5 stelle.

Saranno fiori d'arancio?

"Argomento principale del confronto è stato la credibilità e la reputazione dei candidati al consiglio regionale in vista delle prossime elezioni. Ho sollecitato Amalia Bruni a spendersi senza riserve nelle liste della coalizione per un rinnovamento radicale della classe politica regionale e concordare strategie per ottenere una prevalente presenza femminile nel prossimo consiglio regionale. Solo in questo modo sarà possibile sconfiggere e dissolvere il PUT (Partito Unico della Torta) come neve al sole.

Solo diventando credibili riusciremo a recuperare la fiducia nell’elettorato calabrese e batteremo la proposta politica rappresentata dal peggio della politica: l’arrembante coalizione di centro-destra che rischia di accaparrarsi il mare di soldi del Recovery Fund, vanificando la possibilità di riscrivere la storia della nostra regione con riforme e azioni strutturali che solo il PNRR può consentire".

Il confronto con la candidata sembra essere andato bene, tanto da lasciare una porta accostata:

"Amalia Bruni si è mostrata molto disponibile nel farsi portavoce delle nostre richieste di cambiamento. Voglio precisare che il movimento civico che rappresento non ha aderito ad alcun patto con il PD e che al momento ha solo apprezzato un’eccellenza calabrese come la Prof.ssa Bruni con la quale ha avviato un dialogo molto costruttivo. Vigileremo sulla formazione della coalizione e valuteremo se ci saranno le condizioni per aderire.
Carlo Tansi, presidente di Tesoro Calabria".