Sandrino – Il Film, la presidente di 'Ndi Salamu': "Sandrino è uno di noi, parla di noi e della società che viviamo"

Tutti gli aggiornamenti sul film di Pasquale Caprì, "Sandrino". Le ultime riprese sono state fatte in un noto locale reggino

Proseguono a ritmo serrato le riprese di “Sandrino – Il Film”, il lungometraggio dedicato al personaggio caricatura del reggino medio, ideato e portato sulle scene da Pasquale Caprì. Ad ospitare il set, questa volta, è “Birri Basta”, pizzeria, pub e birreria di Reggio Calabria, main sponsor del film. A supervisionare i progressi è la produzione, al secolo Paola Praticò e Antonio Rieto, presidente e vicepresidente dell’associazione culturale “’Ndi salamu”.

«Tutto nasce dall’amicizia che da tempo mi lega ai personaggi principali del film, quindi Pasquale Carpì, Benvenuto Marra e Giorgio Casella – esordisce Paola Praticò -. La loro coinvolgente simpatia e allegria, la loro
esuberanza, mi ha convinto a sostenere questa idea un po’ “folle” di produrre il film».

Con un occhio sempre vigile a quanto accade sul set, la presidente di “Ndi Salamu” svela cosa l’ha convinta ad investire su “Sandrino”.

«Soggetto e dialoghi, scritti da Pasquale, Benvenuto e Giorgio assieme a Davide Manganaro, mi hanno convinta subito – spiega – Sandrino rappresenta il giovane reggino medio e il film racconta la sua storia, tra divertimento, amori, tanti colpi di scena e un occhio anche al sociale. Non posso dire di più, rovinerei la sorpresa… Sono davvero felice di aver abbracciato questo progetto».

Le riprese, iniziate il 14 gennaio, stanno severamente impegnando la nutrita troupe e il cast, sempre molto professionali ma animati da allegria e grande entusiasmo.

«Si è creato un bel team, coeso – aggiunge la Praticò mentre si lascia andare ad un sorriso compiaciuto -. Certo, come in ogni produzione, qualche momento di tensione è da mettere in conto ma determinato, come è giusto che sia, dalla voglia di far bene, anzi il massimo, di tutti».

D’altra parte, con Sandrino e i suoi “compari” a vagare sul set, il divertimento è assicurato. E ogni scena riserva sorprese esilaranti…

«È estremamente divertente assistere alle riprese – continua la produttrice -, una bellissima avventura che poi per me è la prima nel settore cinematografico. Per questo, la presenza di professionisti con provata esperienza è fondamentale per la buona riuscita del film». Dopo l’ultimo “stooop!” si avvierà il secondo “step”, ovvero la promozione del film. Un passaggio, per certi versi, più complesso delle riprese stesse.

«Realizzare le riprese non è semplice – ammette la presidente dell’associazione “‘Ndi Salamu” -. Significa organizzare tutto: location, tempistiche, comparse, turni degli attori, nonché tutto quel che riguarda la preparazione del set e dei personaggi stessi. Devo però dirmi soddisfatta perché stiamo rispettando i tempi, cosa che ci permetterà di predisporre al meglio la seconda fase – aggiunge -. Presentare il film al pubblico, programmarlo nelle sale cinematografiche, portarlo nelle scuole, organizzare interviste ed eventi – dice soffermandosi un momento, quasi a riflettere sul cammino che ancora manca -. Tutto, come è giusto che sia, andrà curato nei minimi particolari. Siamo certi che il film piacerà e che strapperà tanti sorrisi, ai più giovani ma non solo… Sandrino è uno di noi, parla di noi e della società che viviamo. Anzi – conclude la produttrice Paola Praticò -, sono sicura che ogni reggino si sentirà “protagonista” di questo film».

Seguici su telegramSeguici su telegram