Reggio-Messina, i Pendolari dello Stretto: 'Troppi disagi per studenti e lavoratori'

Il Comitato esprime perplessità in merito al nuovo servizio in partenza l'1 ottobre con Liberty Lines

“Come comitato Pendolari dello Stretto abbiamo il dovere di segnalare sin da subito le nostre perplessità in merito al nuovo servizio sulla tratta Reggio- Messina in partenza l’1 ottobre con Liberty Lines.

Il nuovo “vecchio” vettore ha, a nostro avviso, degli ampi margini di miglioramento, che devono assolutamente ripartire dalla continuità di quanto costruito da Blujet negli anni e dal confronto continuo e diretto con l’utenza. Bene quindi la corsa notturna, bene la scontistica dedicata ai possessori di Cartafreccia, male la conferma di tempi troppo ristretti per il consumo del carnet dei biglietti dedicati a pendolari studenti e Forze dell’ordine. Male l’aumento dei costi dei ticket standard, + 14% rispetto a Blujet. Male anzi malissimo la revisione degli orari, in questo preciso ambito il comitato ci tiene ad evidenziare come piccole variazioni di orario (il più delle volte dovute a temporanee contingenze infrastrutturali o spesso anche dal mancato confronto con le associazioni di categoria come la nostra o semplicemente con l’ utenza a bordo) possano arrecare disagi molto gravi a chi purtroppo è obbligato ad utilizzare un unico servizio per passare
dall’altra parte.


Il caso più eclatante è quello relativo al posticipo della corsa delle 6.40 in partenza da Reggio (ex orario Blujet) corsa molto frequentata da lavoratori e forze dell’ordine. Lo spostamento alle 6.50 (nuovo orario Liberty Lines) con arrivo alle 7.25/7.30 rende impossibile l’immediato transfer verso il treno delle 7.26 direzione Catania o rende più complesse le coincidenze con i mezzi pubblici per arrivare sul posto di lavoro entro le 8.

Oltre a questo lo slittamento della corsa delle 8.10 (Ex orario Blujet) alle 8.35 (nuovo orario Liberty Lines) toglierà di fatto la possibilità agli studenti di essere a lezione entro le 9 al contempo rende impossibile per i viaggiatori in partenza dall’aeroporto di Catania la coincidenza con il Bus Sais Diretto verso l’aeroporto di Catania delle ore 9.00.

Nel pomeriggio la situazione non cambia, con l’ anticipo dell’ ex Corsa Blujet delle 13.50 alle 13.30 ed un successivo inspiegabile buco di quasi due ore tra le 14.45 e le 16.45.


Con questo comunicato stampa il comitato oltre a dare un’immediata disponibilità per un confronto chiede da subito la conferma del precedente orario Blujet, con particolare attenzione alle fasce orarie segnalate.

Cosi come già fatto in altre sedi e con gli altri vettori, ci teniamo a ricordare all’ azienda che l’ascolto attivo dell’utenza oltre a migliorare il servizio può essere una vera opportunità commerciale, creando margini di redditività per un operatore privato anche senza ricorrere all’ aumento dei prezzi.