Bagnara, i vincitori del Premio Mia Martini 2021

Si è conclusa a Bagnara la 27° edizione del Premio Mia Martini. Il resoconto dell'evento

Ancora una volta grazie alla grande Mia, Bagnara al centro dell’attenzione nazionale. Per una settimana la cittadina della Costa Viola ha accolto tante persone, tra finalisti, accompagnatori ed addetti ai lavori. Un edizione particolare visto il momento Covid, con tanti controlli e tante novità. Dallo studio televisivo e radiofonico di piazza municipio, tante sono state le dirette con protagonisti ed addetti del settore.

Il Premio Mia Martini 2021

La padrona di casa in questa edizione è stata la simpaticissima Veronica Maia, come sempre la scenografia dello studio televisivo e stata realizzata  dallo scenografo Mario Carlo Garrambone.  Mezzi tecnici all’avanguardia messi a disposizione dalla Mil Media per collegamenti e produzioni radio e tv. Una giuria di qualità composta in sede dal direttore artistico del premio Franco Fasano, il maestro Mario Rosini, la speaker  radiofonica di radio Italia anni 60 Isabel Zolli. In collegamento con il palaespert di Bagnara: Barbara Cola, Mengoli, Jalis.

L'evento è stato patrocinato: dalla Regione Calabria, Città Metropolitana di Reggio Calabria, Amministrazione Comunale di Bagnara, SIAE, Nuovo IMAIE.  Sponsor ufficiali dell’evento: Amaro del Capo, Espert, Acqua Sorbello, I Santi di Disio, Michele Affidato orafo.

Il prestigioso premio è andato per la sezione “Una Voce per Mimì”: MISMOI, per  la squadra “Nanneo’”,  a MORGANA per la squadra “Agapimù.

Per le Nuove Proposte il premio è stato assegnato: per la squadra “Rapsodia”ad ESSENZA, per la squadra “Minuetto” CLAIRE  D. Nella sezione “Emergenti” ha vinto STEAVE BIONDI, oltre al premio a ricevuto come vincitore della sezione riservata alla case discografiche, un finanziamento da parte del Nuovo IMAIE per la realizzazione di sei concerti in Italia.

I premi sono stati realizzati dall’orafo Michele Affidato.

Premio Mia Martini 2021

Il regista Nino Romeo nel suo breve intervento ha ringraziato  l’amministrazione Comunale di Bagnara, mettendo in evidenza le difficoltà incontrate quando le istituzioni regionali e metropolitane sono distanti da eventi di questa portata.

“La grande artista Bagnarese e patrimonio culturale in primis della Calabria”.

Agli amministratori della Città metropolitana di RC, ha suggerito di non fermarsi solo a Reggio.

“Sono contento che pur tra un infinità di problemi, siamo riusciti a ricordare la grande Mia”.