Viola, il futuro adesso è tuo. Le ambizioni neroarancio dopo il closing

L'attesa come momento essenziale delle sorti del popolo neroarancio che vuole tornare alla normalità

Il sabato del villaggio è un momento gradevole per ogni comunità. Ricordi, riflessioni, ambizioni in un unico giorno, è proprio ciò che il popolo neroarancio sta vivendo, dopo un closing arrivato al fotofinish, onore alla Mood Project ed al suo responsabile Alessandro Menniti che è riuscito a cogliere il meglio da una vicenda più che travagliata, con molto coraggio ed altrettanta bravura.

Ciò che chiede il nuovo proprietario della gloriosa Viola Reggio Calabria è serenità per lavorare al meglio. Come dargli torto? Servirà rimanere uniti, lasciando i mass media come momento finale di una filiera sportiva che seppur complicata, in piena epoca social, deve ritrovare nel "dare la proprio parola" e nella stretta di mano l'essenza di questo meraviglioso sport che ha fatto innamorare intere generazioni.

La certezza del momento è che l'organigramma della neonata società verrà azzerato e vedrà in Andrea Gotti della Mood Project, che si trasferirà stabilmente a Reggio Calabria un importante punto di riferimento, sicuramente scopriremo tutti i dettagli in merito, durante la conferenza stampa di lunedì.

La frenesia degli ultimi giorni ha quasi strozzato l'idea di programmazione del futuro, cosa necessaria quanto l'acquisto di un rinforzo per un roster encomiabile per impegno e resistenza, impegnato domani nella difficile trasferta di Valmontone, auspicando che il futuro neroarancio sia migliore dell'attesa maturata, ma che finalmente ha la possibilità di osservare con tanta speranza l'orizzonte.