Brogli elettorali a Reggio, Salvini spinge per il ritorno alle urne

Il leader della Lega, appreso degli sviluppi sui brogli, non ha dubbi: "Elezioni da rifare a Reggio Calabria"

La bufera imperversa su Reggio Calabria e sulle elezioni amministrative che, già nei mesi scorsi, avevano fatto tanto discutere. Dai ricorsi di Klaus Davi, passando per il primo step dell'indagine della Procura, per la città dello Stretto non sembra esserci pace. L'indagine della Digos, di questa mattina, è solo il secondo capitolo di una storia che, secondo quanto illustrato in conferenza stampa dal Procuratore Bombardieri, non ha ancora visto il suo epilogo.

Appresa la notizia, il leader della Lega, sempre più impegnato in Calabria da quando Spirlì ha preso il comando della Regione, non ha perso tempo nel ribadire la sua posizione sui brogli.

Matteo Salvini e i brogli elettorali di Reggio Calabria

In un tweet lapidario, Matteo Salvini, questa mattina, ha scritto:

"Nuovi arresti per presunti brogli alle elezioni comunali di Reggio Calabria, con altre 6 persone coinvolte. Si allarga lo scandalo che ha già coinvolto anche un presidente di seggio e un consigliere comunale del Pd".

Il leader del Carroccio ha aggiunto:

"Elezioni da rifare, lo chiedono i cittadini di Reggio e la Democrazia".