Calcio a 5 - Il Cataforio si aggiudica il derby contro la Pol. Futura

La compagine reggina trascinata da Atkinson e Cilione

ASD CATAFORIO C5 RC-POL. FUTURA 6-4

Marcatori: 1’28”pt e 4’17”pt Atkinson, 3’11”pt Laganà, 11’55”pt Scopelliti, 15’00”pt TL Pannuti (F), 15’48”pt Rotella (F), 7’49”st Aquilino (F), 8’23”st Rotella (F), 9’53”st e 14’34”st Atkinson.

ASD CATAFORIO C5 RC: Paviglianiti, G. Laganà, And. Labate, Scopelliti, Cilione, Giriolo, C. Laganà, Atkinson, Durante, Campolo, Parisi, Al. Labate. All. Praticò.

POL. FUTURA: Spanti, Pannuti, Scappatura, Tripodi, Ant. Labate, Rotella, Modafferi, Aquilino, Mallamaci, Palumbo, Vergine, Amaddeo. All. Alfarano.  

Note- Ammoniti: Scopelliti, C. Laganà e Durante (C); Ant. Labate e Rotella (F).  

Serviva una vittoria per cancellare lo stop di Polistena; da un derby all’altro. Il Cataforio, pur complicandosi la vita, riesce a fare valere i propri e maggiori mezzi tecnici e la propria fame, al cospetto di una Futura tutt’altro che arrendevole. Assenti i due ex di turno, Francesco Martino (squalificato) e Quattrone. Avvio sprint per i padroni di casa che concretizzano tutto ciò che creano, colpendo a ripetizione i gialloblu che cadono sotto i colpi di Atkinson, Laganà e Scopelliti. Il brasiliano, sempre più capocannoniere dei suoi (toccata quota 29 in campionato, 35 in stagione) la sblocca con un pregevole colpo di tacco sull’assist di Scopelliti, prima di fornire lui stesso l’assistenza all’accorrente Laganà per un gran bel gol.

Ancora Atkinson coglie la traversa e poi sigla il tris con il passaggio finale di Giriolo. Poi è Antonino Labate che salva su Andrea Labate, mentre il destro di Durante sibila di pochissimo al lato. Futura che si affaccia dalle parti di Parisi solo di rimessa e specialmente con Rotella, faro nell’attacco ospite. Sul corner poi di Laganà è perfetto l’inserimento di Scopelliti che realizza il poker. A metà primo tempo c’è la reazione della Futura che dopo avere impegnato Parisi con Vergine, realizza il 4-1 con il tiro libero di Pannuti. Neanche un minuto dopo è Rotella col più classico dei movimenti da pivot, trova il bersaglio grosso. Pronta è la risposta di Durante, alta non di molto, mentre Parisi salva sul tiro di Labate. C’è tempo anche sul finale per un’altra conclusione di Rotella deviata quel tanto che basta da Laganà in angolo.

All’inizio del secondo tempo i sud americani delle due compagini si rendono ancora pericolosi. Rotella non inquadra la porta, mentre Atkinson colpisce il palo esterno ed impegna un attento Spanti. Giriolo invece calcia alto, di sinistro, sugli sviluppi di un angolo. Futura che ottiene poi un calcio di punizione indiretto, dal limite, per il retropassaggio su Parisi. Aquilino trasforma e riapre sul 4-3. Lo stesso Aquilino tratterà vistosamente Giriolo, con l’arbitro che non ravvede irregolarità e l’azione porta poi Labate a servire Rotella per il clamoroso 4-4. A questo punto la scena la prende tutta capitan Cilione. Rientrato dopo un lungo stop per infortunio, già nel primo tempo, il numero 6 di mister Praticò mette sul parquet la solita grinta che lo contraddistingue, trascinando i suoi compagni nella reazione. Proprio Cilione  chiuderà alla perfezione il triangolo con Atkinson per il 5-4 dopo l’anticipo e l’uscita palla al piede dalla difesa di Scopelliti. Ora l’inerzia è nuovamente in favore di Parisi e compagni che difendono con ordine e quando aumentano il ritmo danno l’impressione di poter fare male. Servono ancora gli interventi di Spanti su Atkinson, con il brasiliano ed anche Cilione che in precedenza hanno calciato fuori misura. Anche Parisi ci mette del suo a tutela della propria porta, quando salva in sequenza su Modafferi e Rotella.

Poi c’è il fallo di mano di Labate, nettamente in area, sanzionato invece al posto che col rigore, con una punizione dal limite. Nonostante ciò, su un altro piazzato, poco più tardi, Atkinson trasforma per il 6-4, regalandosi il poker personale. Nel finale, con la Futura che schiera il quinto di movimento, c’è la traversa di Pannuti ma anche il palo a porta vuota di Scopelliti dalla propria area di rigore. Termina in trionfo per i bianconeri che vincono il terzo derby consecutivo in campionato contro i cugini gialloblu. Con il contemporaneo pareggio del Polistena, al quale è stato restituito il punto di penalizzazione, la classifica vede il Cataforio sempre al 4°posto a -1 dai rossoverdi.

A fine gara l’allenatore in seconda, Quattrone, ha così commentato: “Il ritorno di Cilione è stato per noi molto importante, pur non essendo lui ancora al top della condizione dopo il lungo infortunio. Partita da due volti, siamo partiti molto bene, approccio giusto, ma è pur vero che il calcio a 5 è questo. Abbassando la concentrazione e con la reazione dei nostri avversari, abbiamo subito la rimonta dal 4-0 al 4-4. Futura sicuramente rinnovata rispetto all’andata, specialmente per l’innesto di Rotella, bravo a fare muovere i suoi compagni. L’ingresso di Cilione poi, nel momento decisivo della gara, ci siamo uniti e siamo ritornati in vantaggio ed abbiamo vinto. Non venivamo da buoni risultati ed abbiamo cercato di infondere serenità ai ragazzi. Siamo oggi contenti per l’approccio iniziale e per il risultato finale della partita. Probabilmente con meno errori avremmo evitato di complicarci la vita. Melilli? Adesso c’è la pausa che ci consentirà di preparare al meglio la sfida contro la capolista che arriverà a mio avviso meritatamente in A2. Probabilmente rispetto alla gara di andata ed alla gara di Coppa Italia (persa ai rigori ndr) era un altro Cataforio a livello atletico considerato che era inizio stagione rispetto ora che siamo a metà. Dal canto nostro vogliamo raggiungere i play-off e giocarci al meglio le nostre carte contro chiunque, come abbiamo sempre dimostrato di fare. Vedi la stessa gara di Polistena dove, pur avendo un black-out fatale, abbiamo tenuto testa ad una formazione che secondo me è tra le favorite per la promozione in A2”.   

Seguici su telegramSeguici su telegram