Comunali Villa, Caminiti: 'Alternativa amministrativa credibile per la città'

La civica Giusy Caminiti promuove, per Villa San Giovanni, una "nuova campagna elettorale: del sorriso e della verità"

"Noi ci siamo per offrire a questa Città un’alternativa amministrativa credibile, trasparente, legalitaria, condivisa e partecipata, di vero servizio al cittadino; per dimostrare che si può e si deve con un impegno serio e competente creare una Comunità solidale".

Sono le parole di Giusy Caminiti, candidato a sindaco “Lista Civica per Villa”. Manca, ormai, meno di un mese all'election day del 12 giugno, in cui gli italiani sono chiamati al voto anche in vista del Referendum Giustizia. Per molti Comuni d'Italia, ed alcuni anche nel reggino, è tempo di rinnovo del Consiglio comunale, come nel caso di Villa San Giovanni.

"Io ci sono - ha detto ancora Caminiti - perché mi sono messa a disposizione di un progetto che parla e agisce con un metodo nuovo, fuori da ogni logica di spartizione di potere e veti incrociati, senza padrini e padroni. Un cammino intrapreso da sempre come cittadina, nelle e con le associazioni di questo territorio, in ascolto delle necessità di una Città che oggi si presenta più che mai fragile dal punto di vista culturale, sociale, economico, orfana di una generazione giovane costretta a lasciare questo “Stretto indispensabile” per mancanza di lavoro.

Io ci sono perché credo profondamente nel ruolo delle istituzioni, in un’amministrazione diversa che dia prospettiva di occupazione e sviluppo, che guardi alle fasce deboli e ai bisogni quotidiani, che voglia riportare normalità e dignità.

Io ci sono perché come la maggior parte dei villesi abbiamo bisogno di impegnarci per cambiare questo paese partendo dalle piccole cose e guardano ai grandi sogni; abbiamo il dovere di dire basta al degrado e all’incuria; abbiamo il diritto di pretendere una Città bella e a misura di uomo.

Saranno tante le proposte che in questi giorni esporremo alla città, ma speriamo che siano ancora di più le idee che i villesi porteranno alla nostra attenzione: l’ascolto e la partecipazione dal basso è lo strumento che vogliamo usare per costruire tutti insieme un cammino nuovo, che si arricchisca giorno per giorno di competenze, entusiasmo, energia.

Io ci sono perché in una sola settimana la Città ha detto sì all’idea di cui gli stessi cittadini sono stati protagonisti e interpreti: una piattaforma civica apartitica aperta al contributo di tutti e libera di autodeterminarsi con metodo inclusivo, democratico, innovativo. Partiamo in tanti ma siamo certi che arriveremo in tantissimi!

Le ragioni di alcune scelte prese nelle ultime e convulse ore che hanno preceduto la presentazione della lista sono soltanto il frutto di quelle poche regole che hanno ispirato questo cammino sin dall’inizio: nessuna tattica, nessuna esclusione di persone o gruppi cui riconosciamo impegno e valore della proposta e al cui contributo offriamo la nostra presenza, per il bene di questa Città.

Comincia una nuova campagna elettorale, del sorriso e della verità.

Noi ci siamo perché “la speranza ha due bellissimi figli: lo sdegno e il coraggio. Lo sdegno per la realtà delle cose e il coraggio per cambiarle”.