Cessione Reggina: il Ds Taibi detta i tempi e fissa le prime date

"C'era stato un primo contatto con il presidente Gallo, ma in quel momento lui non voleva cedere"

Nella lunga e corposa intervista rilasciata dal Ds Taibi a Radio Antenna Febea, diversi sono i passaggi interessanti che riguardano la possibilità di cessione del club. Ottimismo ma senza voler illudere nessuno, si procede attraverso dialoghi continui ed in attesa di poter finalmente avviare le procedure di chiusura.

Tempi ristretti, bisogna accelerare

La preoccupazione rimane legata alla tempistica, visto che i margini sono ristretti e le scadenze federali non aspettano. E' lo stesso dirigente amaranto che spinge per una accelerazione: "E' successo tutto in poche settimane ed ora c'è la necessità di accelerare. Se avessimo avuto sei o sette mesi di tempo non ci sarebbe stato alcun problema, invece adesso dobbiamo velocizzare. Nei mesi scorsi c'era stato un primo contatto con il presidente Gallo, ma in quel momento lui non voleva cedere. La prima settimana di giugno sarà decisiva, bisogna concretizzare, se non lo si fa tra il 5 ed il 6 i tempi diventano più stretti e fai fatica. Chi è interessato in questi giorni dovrà correre. Quando si parla di fondi, dovete sempre tenere conto che ci sono comunque italiani che si muovono insieme a loro".