Reggio, il Comune gioca d'anticipo: insediato il Comitato per le feste Mariane

Dopo l'arrivo del nuovo Vescovo si inizierà a parlare di palinsesto che, secondo Cardia sarà "ricco di iniziative"

Il Comune di Reggio Calabria, per il 2021, ha deciso di giocare d'anticipo per ciò che riguarda la festa patronale. Tradizionali, immancabili e tanto attese le feste mariane non si celebrano in città dal 2019. Lo scorso anno l'appuntamento con la processione della Sacra Effige è saltato a causa della pandemia e non è ancora detto che tutto vada bene per l'anno in corso, anche se la speranza di tutti i reggini è esattamente questa.

Nella giornata di ieri, comunque, si è insediato ieri il Comitato per le feste Mariane, presieduto dal consigliere comunale Mario Cardia. Un passo in avanti della programmazione degli eventi che potrebbero celebrarsi in città.

Prima riunione del Comitato per le feste Mariane

Quella che si è celebrata nelle sale di Palazzo San Giorgio è stata una prima riunione conoscitiva alla quale hanno preso parte l’assessore alle Finanze Irene Calabrò, i consiglieri metropolitani Carmelo Versace e Filippo Quartuccio, la dirigente comunale di settore Loredana Pace ed i rappresentanti di Confcommercio, Confesercenti, dell’Associazione dei Portatori della Vara, della Polizia municipale e di tutti gli enti coinvolti all’interno dell’organismo che si occupa dell’organizzazione dei festeggiamenti civili e religiosi in onore della Madonna della Consolazione, co-patrona della Città, che si svolgeranno dal 10 al 15 settembre prossimi.

«Aspettiamo con viva partecipazione l’arrivo del nuovo vescovo, monsignor Fortunato Morrone, per poter tornare a ragionare su un palinsesto che, quest’anno, punterà molto su eventi di carattere religioso». Così, il presidente del Comitato, Mario Cardia, ha parlato a margine della riunione sottolineando come «si sia voluto partire con largo anticipo per arrivare pronti ad un appuntamento moto atteso dalla Città».

«Vogliamo proporre un palinsesto ricco di iniziative – ha spiegato – che all’aspetto ludico colmo di spettacoli culturali, artistici e musicali, coniughi fortemente la fede e la devozione nei confronti della nostra Patrona. Mai come questa volta, il desiderio più grande è quello di tornare a riappropriarsi degli spazi di libertà negati dalla pandemia e, anche per questo, siamo desiderosi che tutto si possa svolgere al meglio nel pieno e completo rispetto delle misure anti-Covidfissate dai vari protocolli e Dpcm».

Quello di ieri, quindi, «è stato un primo briefing per gettare le basi sulle feste del settembre reggino». «Aspetteremo l’insediamento del nuovo vescovo Morrone, calendarizzato per il 12 giugno – ha aggiunto Cardia –per tornare a fare il punto ed entrare più nel concreto su ciò che sarà il cartellone delle iniziative. Palpabile, da parte di tutti, è stata la voglia di partecipare e mettere in campo novità in grado di farci recuperare il tempo sottratto dall’emergenza sanitaria. È, infatti, grandissimo il desiderio di tornare fra le piazze e in processione portando sulle spalle l’attaccamento, l'amore ed il culto verso la Sacra Effige di Maria».