Futuro Hospice, Giuseppe: "L'ASP vuole la guerra? Siamo pronti a lottare"

"Lasciate lavorare la Fondazione", l'appello di un paziente dell'Hospice in assistenza domiciliare

Tra le centinaia di persone giunte in Hospice questa mattina, per manifestare a sostegno dell'Hospice e della Fondazione 'Via delle Stelle' c'era anche il sign. Giuseppe, paziente della struttura ospedaliera di Via delle Camelie.

"Seguo con molta attenzione le sorti di questa struttura - spiega ai nostri microfoni il sig. Giuseppe  - Sento parlare di un nuovo bando per affidare ad altri la gestione di questa struttura. Ma perchè? Mi chiedo cosa non va di questa attuale gestione. Il personale attuale della Fondazione è il migliore esistente, non è possibile sostituirlo. Ho un figlio disabile e per accompagnarlo spendo 250 € al mese di pulmino e adesso mi hanno chiesto l'aumento a 280 € ".

E se la struttura dovesse chiudere?

"Non immagino nemmeno cosa possa succedere se dovesse chiudere l'Hospice. Facciamo una rivoluzione, vedranno. Ho girato tanti ospedali nel corso della mia malattia e non ho mai trovato un personale così attento, educato e specializzato. Se l'ASP vuole guerra noi siamo pronti a lottare".

 

Seguici su telegramSeguici su telegram