Garante per le persone detenute, Mancuso: 'Presto sarà realtà'

"Il Consiglio regionale- annuncia il presidente Mancuso -subito dopo il voto del 25 settembre, insedierà il ‘Garante regionale dei diritti delle persone detenute"

“Gli uomini e le donne della Polizia Penitenziaria hanno diritto di svolgere il loro lavoro in sicurezza. A loro va la solidarietà del Consiglio regionale, dopo quanto accaduto nelle carceri minorili di Catanzaro con tre ragazzi che hanno appiccato un incendio sfiorando la tragedia”.

Per Filippo Mancuso, presidente dell’Assemblea legislativa: “Resta il fatto ineludibile che è l'intero sistema carcerario italiano che ha bisogno di attenzioni non saltuarie e improvvisate, ma sistematiche e pianificate con l'urgenza che la condizione di sovraffollamento degli istituti richiede.

Il Consiglio, da parte sua - annuncia Mancuso -, subito dopo il voto del 25 settembre, insedierà il ‘Garante regionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale’, a cui chiederà di approntare una relazione sulle condizioni del pianeta carceri calabrese. Una base di dati, questioni e vicende, problemi vecchi e nuovi che ci consentirà di avere il quadro aggiornato delle condizioni dei detenuti nei dodici istituti calabresi e dei problemi della Polizia Penitenziaria, con l’obiettivo di contribuire alla loro soluzione e a rendere meno evanescente il principio costituzionale secondo cui la pena deve tendere alla rieducazione del condannato ed al suo successivo reinserimento nella società”.

Aggiunge il Presidente del Consiglio regionale: “Dalla prima relazione sulle carceri calabrese, dedicata alla governatrice Jole Santelli prematuramente scomparsa e rassegnata nel 2020 dall’allora Garante avv. Siviglia, si evince che le carceri calabresi, nonostante le molte disfunzioni, sono riuscite a reggere all’urto dell’emergenza Coronavirus.

La relazione ha evidenziato come i due terzi dei detenuti in Calabria non siano mafiosi: molto spesso si tratta di giovani, di donne, stranieri, tossicodipendenti, autori di reati contro il patrimonio oppure con problemi psichici. Il sistema si mantiene al limite della capienza e ha necessità di interventi strutturali e anche di rafforzamento del corpo di Polizia Penitenziaria, come lo stesso capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria (Dap) aveva annunciato”.

Conclude Mancuso: “Sulle annose criticità, riferite all’assistenza sanitaria ed al sovraffollamento che genera effetti negativi sul fronte trattamentale, ma anche in riferimento alla nota e più volte segnalata carenza di personale di Polizia Penitenziaria, giuridico-pedagogico, sanitario e infermieristico, Governo e Parlamento debbono incominciare a dare segnali risolutivi”.