Reggio, Falcomatà incontra il nuovo presidente Sacal

Il primo cittadino di Reggio Calabria ha avanzato delle richieste per l'aeroporto dello Stretto

«È necessario riprogrammare gli orari dei voli su Roma e Milano, così come appare fondamentale incrementare e puntare anche su altre rotte. Allo stesso modo, è ormai imprescindibile conoscere il Piano industriale della società».

Sono queste alcune delle richieste che il Sindaco Metropolitano, Giuseppe Falcomatà, ha formulato al neo presidente della Sacal, Giulio De Metrio, nel corso di un incontro istituzionale che, nei giorni scorsi, si è svolto negli uffici di Palazzo Alvaro.

Al nuovo vertice della Società di gestione dell’Aeroporto dello Stretto "Tito Minniti", il Sindaco Falcomatà ha anche chiesto «la salvaguardia di ognuno dei posti di lavoro ed il ripristino della funzionalità del pontile».

«L’Aeroporto dello Stretto – ha aggiunto Falcomatà – è fondamentale per immaginare e programmare qualsiasi tipo di sviluppo non solo lungo il territorio metropolitano, ma soprattutto in un’area che, da Reggio a Messina, guarda con interesse alla crescita economica e sociale di oltre un milione di abitanti sparsi in 205 diversi Comuni. Sicuramente, oltre alla visione strategica, è impellente rimettere la Città Metropolitana di Reggio Calabria nelle condizioni di poter tornare a contare su un’infrastruttura essenziale ad accorciare le distanze col resto del Paese».

L’auspicio, espresso dal Sindaco Falcomatà e condiviso dal presidente Sacal, è che lo scalo, d’ora in avanti, assuma un ruolo centrale nei piani della società che gestisce il complesso sistema aeroportuale dell’intera regione Calabria.