'La sposa' conquista il pubblico, ma le polemiche arrivano anche dal Veneto

Più di 6 milioni di spettatori per la seconda puntata della fiction Rai ambientata in Calabria

"La sposa", nuova fiction Rai, continua a fare il pieno di ascolti...e di polemiche. Domenica 23 gennaio è andata in onda la seconda puntata della fiction ambientata in Calabria.

Trama della seconda puntata

Maria riesce a conquistare la fiducia di Paolino e vuole che torni a scuola. Con l’aiuto di Carla, una sua amica bracciante con una forte coscienza politica, convince la maestra del paese a fargli sostenere l’esame necessario per frequentare la terza elementare. Intanto il lavoro di Maria procede tra il noccioleto e il mercato. La giovane ha una intelligenza viva ed è pronta ad apprendere quanto le viene insegnato nel minor tempo possibile.

Anche la seconda puntata ha registrato ottimi ascolti. La fiction Rai infatti ha registrato il miglior dato della domenica nel piccolo schermo: 6.568.000 spettatori, pari al 28.7 per cento di share, molto distaccati il programma di Canale 5 Avanti un Altro – Pure di Sera (2.615.000 spettatori pari all’11.5 per cento di share) e Che Tempo Che Fa, che ha raccolto davanti al video 2.346.000 spettatori (9.1 per cento).

Intanto le polemiche valicano i confini regionali. Dopo le reazioni contrarie di parte del pubblico calabrese e le dure parole dell'ex presidente f.f. Spirlì ("fa cag..e") anche dal Veneto si sono registrate polemiche. La trama della serie Rai il motivo dell'amarezza di Roberto Ciambetti, il Presidente del Consiglio Regionale del Veneto.

Secondo Ciambetti quanto visto nella fiction metterebbe “in ridicolo non solo i veneti, ma anche le calabresi” si legge su Il Gazzettino.

“Pensare a un matrimonio per procura a fine anni Sessanta di una giovane calabrese con un ricco ma rozzo discendente di un agricoltore vicentino è a dir poco un azzardo, se non una provocazione senza senso e lontanissima dalla realtà storica.

La sposa non regge neanche se pensiamo a cosa sul finire degli anni Sessanta stava accadendo nel Vicentino, quando gli operai di Schio, Arzignano e Valdagno vivevano la stagione delle battaglie operaie e tanti vicentini ancora emigravano verso la Germania, la Svizzera, il Venezuela, il Brasile e l’Australia", le parole di Ciambetti.

Non resta a questo punto che aspettare domenica prossima quando saranno trasmessi gli ultimi episodi della serie che vede Serena Rossi protagonista e nel cast anche l'attore reggino Saverio Malara.