LFA Reggio: Trocini sull'abbraccio di Provazza e le esclusioni di Ingegneri e Kremenovic

"Se lascio fuori qualcuno e metto un altro, poi mi chiedete perché ho fatto quelle scelte. Perri troppo innamorato del pallone"

Ristobottega

Molto più sereno e anche felice mister Trocini in conferenza stampa, dopo la vittoria della LFA Reggio Calabria contro il Ragusa. Una prestazione decisamente migliore rispetto alle ultime e un risultato rotondo e convincente. La non convocazione di Provazza della settimana scorsa e l’anticipazione sull’impiego dell’esterno da titolare insieme alle motivazioni che hanno portato a quella scelta. Il reggino ha addirittura trovato il suo primo gol e il pensiero subito è stato rivolto proprio al tecnico: “Mi fa veramente molto piacere l’abbraccio di Provazza come quello di tutta la squadra, lui sa come la penso e mi piacerebbe che facesse sempre quello che ha fatto oggi e per tutto il corso dei novanta minuti, invece si accende e si spegne troppo spesso nel corso delle partite, per noi lui è troppo importante. Le esclusioni? Ho ventisette calciatori e devo fare delle scelte, sei ragazzi sono dovuti andare in tribuna”.

Ristobottega

Si è rivisto Ingegneri, ma insieme a Kremenovic era uscito quasi totalmente dalle scelte: “Andrea Ingegneri è un giocatore forte, ha avuto qualche problema fisico, dico che anche Kremenovic è forte. Adejo ha grande personalità e Girasole ha qualità sui calci piazzati. Se lascio fuori qualcuno e metto un altro, poi mi chiedete perché ho fatto quelle scelte. La verità è che ho quattro centrali molto bravi. Perri ha grosse qualità tecniche, è innamorato del pallone ma questa cosa la migliorerà con il tempo. A lui sto chiedendo un sacrificio nel ruolo di mezzala, che forse non è nelle sue corde, giocando con due esterni come Renelus e Provazza e qualcuno deve adattarsi”.