L’artista reggino Alessandro Allegra alla mostra di Arte Sacra a Roma

L'artista partecipa alla collettiva internazionale dal titolo: "La Grazia e l’Innocenza"

L’artista reggino Alessandro Allegra, invitato tra i pochi pittori del Master della Scuola di Arte Sacra di Firenze dal 20 al 31 marzo sarà tra gli Artisti presenti in mostra a Roma nei Musei San Salvatore in Lauro e partecipa alla collettiva internazionale dal titolo: "La Grazia e l’Innocenza. Immagini di maternità divina e umana”.

È la mostra che la Scuola di Arte Sacra di Firenze ha organizzato a Roma nei Musei di San Salvatore in Lauro al n.15, nel complesso monumentale del Pio Sodalizio dei Piceni, dal 20 al 31 marzo 2022 con il patrocinio del Pontificio Consiglio della Cultura, sul tema della maternità divina e umana. Quello tra madri e figli è un legame forte, atavico, celebrato come sacro dagli artisti, perché eterno e per questo sublimato e immortalato come modello per l’umanità intera.

Gli artisti invitati hanno dovuto misurarsi con questo tema eterno per carpire sia gli aspetti naturali che spirituali in un continuo confronto tra la Grazia e l’innocenza che richiama la maternità della B. Vergine Maria e l’esperienza terrena di ogni donna che diventa madre. Curatore del percorso espositivo è il prof. Giorgio Fozzati, già direttore della stessa Scuola. Testi a cura dei proff. Giancarlo Polenghi e Ferruccio Botto.

Gli artisti in mostra tutti ex allievi della Scuola di Arte Sacra e del Master sono: Alessandro Allegra, Raul Autuori, Ruben Autuori, Andrea Bianco, ElenaBraccini, Andreaa Carmina Bardazzi, Barbara Bartolomei, Elisabetta Carini, Matteo di Mambro, Fernanda Freitas, Sara Gallini, Marco Lotti, Marie Louise Seck, Amalia Rinaldi, Roberto Russo, Ludovica Severi, SapphiraSinasac, Ana Tropia, Etienne Zobler.

I maestri della Sacred Art School in mostra sono: Fernando Cidoncha (scultura), Gabriele Maselli (ebanisteria), Sofia Novelli (pittura), Francesco Paganini (oreficeria), Paolo Penko (oreficeria), Ignacio Valdes (pittura).

Artista ospite: Paola Grossi Gondi