Motta San Giovanni, ristrutturata la scuola 'Mallamaci'. Verduci: 'Scommessa vinta'

Dopo aver visitato i nuovi locali, apprezzamenti sono stati espressi dal vicepresidente Giusi Princi

Inaugurati i nuovi locali della scuola dell’infanzia e della scuola primaria “Giovanni Mallamaci” di Motta San Giovanni. Realizzati i lavori di ristrutturazione e messa in sicurezza grazie ad un contributo economico del Ministero dell’Interno, alla presenza di autorità politiche, civili e militari, con una straordinaria partecipazione di famiglie e bambini, si è svolta la cerimonia con il tradizionale taglio del nastro.

“Voglio iniziare questo mio intervento con dei ringraziamenti particolari – ha esordito il sindaco Giovanni Verduci - Ovviamente sono onorato della presenza del Vicario del Prefetto Maria Stefania Caracciolo, del vicepresidente della Regione Giusi Princi, degli amministratori comunali, dei tecnici, delle forze armate, delle associazioni, dei dirigenti scolastici Margherita Sergi e Fortunato Praticò, del personale docente e del personale amministrativo della scuola, del baby sindaco Bruno Marcianò, della signora Antonietta Sicari vedova del maestro Giovanni Mallamaci, del consorzio Conpat, della ditta Di.Bi.Ga che ha eseguito i lavori e di tutti gli operai impiegati.

Tuttavia, sono sicuro che nessuno si offenderà se dedico un pensiero particolare ai bambini e alle loro famiglie. Alla pazienza e alla disponibilità da loro manifestata in questi mesi di lavori. Ai sacrifici e ai disagi sopportati a causa degli spostamenti. Questa scuola è dedicata a loro!”

“Questi lavori – ha poi aggiunto dopo aver ringraziato l’ufficio tecnico comunale, i colleghi di Giunta e il parroco don Giovanni Gullì per la benedizione impartita - hanno avuto e continueranno ad avere importanti e positive ricadute sociali, culturali ed economiche. Dopo meno di 12 mesi dalla consegna, dopo solo un anno scolastico, restituiamo alla nostra comunità una scuola totalmente rinnovata, sicura, che rispetta tutte le norme antisismiche e per l’antincendio, sostenibile dal punto di vista energetico con l’impianto fotovoltaico e l’impianto di raccolta e riciclo delle acque meteoriche che saranno utilizzate per i servizi igienici.

Questa scuola rappresenta una scommessa vinta. Nonostante l’emergenza Covid, le difficoltà di personale comunale, il dissesto finanziario, le difficoltà di approvvigionamento delle materie prime, il folle aumento dei prezzi e lo scetticismo di molti, tagliamo questo nastro rosso consentendo a tutti di visitare questi locali che mercoledì accoglieranno i bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria”.

“Molte pareti all’interno della scuola sono ancora spoglie – ha poi concluso il primo cittadino - È stata una scelta consapevole perché crediamo che debbano essere i bambini, guidati dalle insegnanti, a decidere quale pannello affiggere, dove posizionare i cartelloni realizzati, quale personaggio mettere in primo piano”.

Dopo aver visitato i nuovi locali, apprezzamenti sono stati espressi dal vicepresidente Giusi Princi, che ha evidenziato come l’Amministrazione Verduci rappresenti un esempio virtuoso per come sono state finalizzate bene le risorse ottenute, e dal Vicario del Prefetto Stefania Caracciolo colpita dalla gioia della comunità per una scuola moderna, all’avanguardia, che ha tutti i crismi per quella che dev’essere una scuola efficiente e che, purtroppo, rappresenta ancora una rarità.