Porto di Gioia Tauro, 20 i dipendenti rifiutati perchè senza Green Pass

Da domani dovrebbe partire il servizio per l'effettuazione del tampone gratuito che sarà attivo per i prossimi 15 giorni

Sono 20 i portuali rifiutati stamattina, primo lunedì di ripresa del lavoro dopo l'introduzione dell'obbligo del green pass, ai tornelli d'ingresso del porto di Gioia Tauro perché non in possesso del certificato o dell'esito negativo del tampone. Anche per quanto riguarda gli autisti dei tir in entrata non si registrano difficoltà, al momento un solo conducente è stato respinto perché privo sia della carta verde che che del tampone.

Dati minimi anche rispetto a venerdì quando, in corrispondenza con l'introduzione dell'obbligo, nei primi turni di lavoro dello scalo vennero rimandati indietro in 60 circa.

Da domani, secondo quanto si è potuto apprendere, dovrebbe partire il servizio messo a disposizione dal terminalista Mct per l'effettuazione del tampone gratuito che sarà attivo per i prossimi 15 giorni.

L'attività di transhipment all'interno del porto va avanti regolarmente e senza alcun problema. Non ci sono attese e non si registrano file nemmeno al gate utilizzato degli autotrasportatori.

(ANSA).