Reggio, torna Giallo al castello: il nuovo esordio con 'Milano sotto Milano'

Torna la rassegna letteraria organizzata da Franco Cogliandro. Cristina Marra racconta “Milano sotto Milano" di Antonio Talia

Ritorna Giallo al Castello a Reggio Calabria, la rassegna letteraria organizzata da Franco Cogliandro, titolare della storica edicola/libreria di Piazza Castello, con la collaborazione della giornalista Cristina Marra.

Riparte la rassegna "Giallo al castello"

Venerdì 29 ottobre sarà la presentazione di “Milano sotto Milano – Viaggio nell’economia sommersa di una metropoli” di Antonio Talia edito da Minimum Fax ad aprire la nuova stagione di incontri con scrittori che fanno dell’indagine  e del mistero i tratti caratteristici dei loro libri.

L’incontro con Talia presentato da Cristina Marra si svolgerà al teatro dell’istituto San Vincenzo De’ Paoli (Via Girolamo Arcovito,1) a partire dalle ore 17,00 e nel rispetto delle norme anti-Covid 19.

Il libro "Milano sotto Milano"

Negli anni Dieci del nuovo millennio, in controtendenza con il resto d’Italia, Milano ha sprigionato al massimo la sua vocazione mercantile vecchia di secoli: nel quinquennio 2014-2019 il Pil milanese è cresciuto del 9,7%, rispetto al 4,6% nazionale, e la città rientrava sistematicamente nelle classifiche sulle global cities stilate dai quotidiani finanziari internazionali, attirando più di un terzo di tutti gli investimenti diretti dall’estero verso l’Italia. Ma Milano non è solo la città più ricca d’Italia: è anche la città dove il denaro circola più velocemente, come una corrente sotterranea della quale spesso sembra impossibile rintracciare l’origine. È una città di fiumi interrati e pozzi neri, corsi d'acqua sepolti sotto strade e palazzi, e adesso che il Coronavirus si è abbattuto su Milano come l'anomalia definitiva, i flussi di denaro sepolti rischiano di esondare, rivelando collegamenti inediti, affiliazioni sospette e, spesso se non sempre, una contiguità preoccupante tra economia e crimine.

Prendendo le mosse da un delitto rimasto insoluto per un paradossale eccesso di possibili piste, affidandosi all’istinto e al rigore del grande cronista, Antonio Talia percorre in lungo e in largo la città e il suo hinterland, raccogliendo una prodigiosa quantità di fatti e fattacci, storie e personaggi. E ci racconta una Milano inedita nella quale convergono e agiscono vecchie bande locali e ’ndrine, artisti del riciclaggio e immobiliaristi senza scrupoli, piccoli trafficanti e sopravvissuti di Tangentopoli. Tutti accomunati da un unico Dio: il denaro, e il riconoscimento sociale che porta con sé.

L’autore

Antonio Talia è nato a Reggio Calabria. Ex corrispondente da Pechino, si è occupato di riciclaggio di denaro sporco tra Italia e Cina, gang di strada in Svezia, jihadismo in Indonesia e operazioni finanziarie illecite a Hong Kong. È coautore di Io sono il cattivo e Nessun luogo è lontano, trasmissioni di affari esteri in onda su Radio24.