Recosol presenta “Stracìa, la canzone del progetto di accoglienza di Gioiosa Ionica

Appuntamento il 10 maggio, giorno dedicato a tutte le mamme

La collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Gioiosa Ionica, l’Associazione Recosol e il Servizio Centrale Siproimi, ha dato vita ad un progetto artistico che coniuga musica, integrazione, solidarietà e bellezza.

Si tratta di un brano musicale accompagnato da un videoclip, il cui testo è stato composto anche dai beneficiari del progetto di accoglienza accolti nel Progetto Siproimi (ex-SPRAR) attivo nel Comune di Gioiosa Ionica e gestito dalla Rete dei Comuni Solidali.

Il pezzo si intitola “Stracìa”, termine usato per indicare la pioggia carica di sabbia rossa del deserto. Chitarre e tamburi si amalgamano perfettamente e raccontano, con dolcezza e malinconia, di un viaggio difficile, di un viaggio duro, di un viaggio verso e per la vita, quello degli uomini e delle donne che oggi vivono a Gioiosa e che hanno chiesto “aiuto all’Europa”.

Il testo è pensato da persone diverse per provenienza, storie di vita, cultura, religione ed è cantato in lingue diverse: italiano, arabo, francese, wolof e pular.

Il risultato è però una meravigliosa amalgama: le voci - di Meiriyam Aydibi, Alagie Jaw, Ousman Willan, Blessing Odeh e Aboubacar Korouma - risuonano tutte uguali poiché tutte parlano di madri lontane, di terre lontane, di vite lontane, del dolore provato nel lasciare la propria casa, ma anche di speranze vicine e vive.

“Senza un limite invalicabile, senza perderti in un mare di geografici confini” recita il ritornello e sembra un augurio o forse una speranza. La speranza che questa canzone, così intima e profonda, possa arrivare a tutti noi, accarezzando le nostre orecchie e le nostre anime.

Ad occuparsi degli aspetti tecnici è stato un gruppo di giovani professionisti: Vincenzo Oppedisano ha curato la musica, chitarre, basso, organo, percussioni, i cori, il testo – scritto appunto insieme ai beneficiari Siproimi - l’arrangiamento e il montaggio; Giuseppe Cremona e Frank Armocida sono stati impegnati nelle riprese, nella fotografia e nel montaggio; infine, il brano è stato mixato e masterizzato da Claudio B Love (Bassover Studio).

È stato per tutti noi un progetto intenso, realizzato sul finire dell’anno appena trascorso, e che per questo avremmo voluto presentare in un importante momento di aggregazione, di confronto e di incontro, come quelli che siamo soliti realizzare nella nostra comunità, che avrebbe permesso di riabbracciarsi tra amici, associazioni, comunità civile. Purtroppo, però, il grave momento che stiamo vivendo ci impedisce di realizzare tutto questo.

Proveremo comunque a condividere con tutti voi il risultato di questo importante ed emozionante progetto, dandovi appuntamento la mattina del 10 maggio, giorno dedicato a tutte le mamme – scelta non affatto casuale – per presentarvi sui nostri canali social il videoclip e il brano “Stracìa”.