Reggina, Cionek: 'Con la Spal voglio vincere. Nicolas? Sul quel dribbling...'

L'esperto difensore della Reggina ha speso parole significative anche su Folorunsho

Ha stretto i denti per essere in campo ed ancora una volta ha risposto con grinta e determinazione alla chiamata. Thiago Cionek è il simbolo della combattività di questa Reggina ed insieme alla squadra si prepara alla prossima battaglia sul campo di una compagine che lui conosce bene. Così ha parlato ai microfoni di Passione Amaranto: "Per me è una gara speciale quella con la Spal. Lì ho trascorso anni bellissimi nel corso della mia carriera, ma adesso quello che mi interessa è continuare a vincere con la Reggina e poi dobbiamo riscattare qull'amara ed immeritata sconfitta dell'andata".

Il momento attuale e gli obiettivi

Guardando gli ultimi risultati si può pensare che puntare in alto non sia una follia, ma dando un'occhiata alla classifica, ci accorgiamo che le squadre dietro sono ancora molto vicine. La strada comunque tracciata è quella giusta, se riusciamo a fare risultati poi vedremo. Abbiamo vinto contro una compagine forte, abituata a giocare insieme da tanti anni. In altre circostanze queste partite le perdevamo, adesso si è assunto un atteggiamento diverso e maggiore consapevolezza. Chiunque giochi si cerca di aiutarsi l'uno con l'altro, da qualche settimana, tranne che a Cosenza, siamo riusciti a mantenere la porta inviolata".

I fattori del cambiamento

"Tanti fattori hanno determinato il cambiamento. Sono arrivati molti giocatori, più opzione di cambio, la trasmissione di serenità da parte del tecnico Baroni. Viva le partite sporche che poi portano ai tre punti, muovere la classifica è sempre importante. I gol su palle inattive sono quelli che stanno mancando, ma vi posso assicurare che in settimana si lavora moltissimo per arrivarci. Io ci sono andato vicino diverse molte, ma in realtà questo in campionato non è mai successo".

Ci vogliono le vittorie meno attese, Su Folorunsho

"Questo gruppo ha dimostrato di potersela giocare con qualsiasi altra squadra. Tranne che in qualche circostanza abbiamo fatto sempre bene e considerate che il Pordenone è una compagine forte ed abbiamo vinto. Con la Spal non siamo favorito, ma vincere ci darebbe tanto per classifica e morale. Ho scherzato con Folorunsho dopo il gol fatto, è riuscito a fare assist e gol. Tutto molto bello, è un ragazzo che si impegna molto ed ora raccoglie i frutti, spero possa continuare così e credo possa fare molto nel corso della sua carriera. Nicolas? Siamo molto amici e stiamo insieme in camera. Su quel dribbling rischioso mi ha detto che sono stato io a dargliela male, poi quel rinvio sulla schiera di Morra ci ha fatto tremare, ma ci dà tantissima sicurezza ed è sempre decisivo anche in quei finali di gara con le sue grandi uscite".