Reggio, piazza De Nava. Il restyling si avvicina, i dettagli del nuovo progetto

Sarà una piazza smart con tecnologie integrate negli elementi di arredo con un doppio ruolo". 5 milioni di euro per il rifacimento dell'intera area

Ancora un restyling targato "Soprintendenza".

Una rivisitazione in chiave contemporanea che mantiene i caratteri identitari del luogo. Questa volta parliamo della storica piazza intitolata al reggino Giuseppe De Nava.

Dopo il progetto relativo a piazza Garibaldi presentatoci dal direttore Fabrizio Sudano, direttore della Soprintendenza Archeologia delle Belle Arti e del Paesaggio per la città metropolitana di Reggio Calabria, anche l'area del Museo sarà interamente riqualificata.

Secondo quanto raccolto da CityNow, entro il 2021, uno degli accessi alla via principale di Reggio Calabria, sarà presto ridisegnato secondo il progetto preliminare che contiene gli indirizzi progettuali proposti dal maggiore ente di competenza per la valorizzazione dei beni archeologici e paesaggistici.

Piazza De Nava, verrà quindi interamente rifatta, eliminando le attuali barriere, i diversi dislivelli e mantenendo la pianta planimetrica rettangolare. Via i pilastri, via i tre gradini sulla parte sud della via De Nava che portano alla piazza e via le lunghe sbarre orizzontali di forma cilindrica.

Il MArRC ingloberà la nuova piazza De Nava in un'idea di spazio unico con continui richiami sia in piazza che dentro il museo con probabili totem tecnologici e biglietteria elettronica esterna. L'abbraccio ideale dei due Guerrieri alla vicina statua di De Nava permetterà un'unica visione d'insieme articolata in un'ampia area pedonale.

Cinque i milioni di euro già previsti per il rifacimento dell'intera area fino al monumento a Corrado Alvaro. Via Saverio Vollaro sarà interamente pedonale, via Domenico Romeo e via Domenico Tripepi continueranno ad essere invece aperta al traffico.

L’intervento, richiesto dal Segretariato Regionale MiBAC per la Calabria, è finanziato con fondi del Ministero per i Beni e le Attività Culturali ed ha visto fino ad oggi la collaborazione dei tecnici del Ministero (Segretariato Regio Regionale per la Calabria, Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio e Museo Archeologico Nazionale) con l’Amministrazione Comunale e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria.

Si attendono adesso indicazioni da parte di Invitalia per comprendere il futuro della piazza più amata dai reggini.

"Attendiamo che Invitalia aggiudichi l'appalto di progettazione. Una volta individuato il contraente la Soprintendenza potrà iniziare il lavoro per sviluppare gli altri livelli di progettazione - spiega l'architetto Giuseppina Vitetta, responsabile per la tutela della città di Reggio Calabria. Entro il mese di novembre la gara dovrebbe essere aggiudicata così da approfondire la progettazione. La gara è in esame e probabilmente entro la fine della prossima settimana conosceremo il contraente. Sarà una piazza smart con tecnologie integrate negli elementi di arredo con un doppio ruolo, funzionale al Museo ma anche una piazza per la città".