Sbarco di Siderno: le operazioni di salvataggio della Guardia Costiera

Un'unità da diporto si è arenata in corrispondenza del pontile con 108 persone a bordo

Le operazione di soccorso della Guardia Costiera si sono svolte, nella mattinata di ieri, in corrispondenza del pontile del Comune di Siderno (RC), ove si è arenata una unità da diporto con 108 persone a bordo.

Tra i migranti recuperati, a bordo del bialbero a vela, anche i corpi privi di vita di due persone.

L’operazione di soccorso, coordinata dalla Guardia Costiera di Reggio Calabria, ha coinvolto le motovedette CP322 della Guardia Costiera di Roccella Jonica e la CP760 in forza allo stesso Comando reggino, oltrechè un elicottero della Polizia di Stato che ha eseguito un primo sorvolo sull'area, per la ricerca di eventuali dispersi.

Nel mentre due soccorritori marittimi della Guardia Costiera operando direttamente in acqua, hanno prestato soccorso ad un migrante che si trovava su uno dei piloni portanti del pontile, riuscendo - a conclusione delle complesse attività di salvataggio - a portarlo in salvo a bordo della motovedetta.

All'attualità, anche alla luce degli esiti di un ulteriore sorvolo operato in area da un elicottero AW139 della Guardia Costiera, decollato dalla Base aerea di Catania, non risulterebbero esservi ulteriori dispersi.​