Nonostante le smentite, il presidente Gallo lavorava per cedere la Reggina

Sarà Luca Gallo oppure il nuovo amministratore a condurre le operazioni di cessione?

"Se fossi un tifoso della Reggina non mi preoccuperei più di tanto, perché il presidente temendo che potessero esserci delle difficoltà ha gettato le basi per un passaggio di proprietà".

Gallo smentiva, ma voleva e vuole cedere

L'avvocato Bruno Naso, per la seconda volta, ribadisce la volontà del presidente Luca Gallo, quella di cedere la società. Questa volta ad "Approdo Calabria" fa di più, aggiungendo qualche passaggio maggiormente significativo come la consapevolezza del massimo dirigente amaranto delle difficoltà a portare avanti il progetto societario e quindi l'avvio di una trattativa per arrivare alla cessione. Quando questo sia avvenuto non è specificato, ma comunque a più riprese Luca Gallo, alle ripetute domande dei cronisti su eventuali trattative, ha sempre smentito, invitando "questi potenziali acquirenti" qualora fossero reali, a manifestarsi pubblicamente. Addirittura il 19 aprile, subito dopo la prestigiosa vittoria interna della Reggina contro il Lecce, il presidente attraverso un tweet scriveva: "Questa vittoria aumenta l’orgoglio e forse aumenta anche i rimpianti… Di sicuro, rappresenta un messaggio per tutti: la REGGINA è viva come non mai, dentro e fuori dal campo". La storia, poi, ha preso una piega diversa.