Spirlì 2.0 per le regionali calabresi? 'Non penso al futuro, mai direi mai'

Nino Spirlì esce dalla porta...per rientrare dalla finestra? Lo scenario non è da escludere, anche se...

Nino Spirlì esce dalla porta...per rientrare dalla finestra? Lo scenario non è da escludere, specie nel caos che attualmente anima il centrodestra e con la linea temporale relativa alle prossime regionali calabresi spostata a ottobre.

"Candidato del centrodestra alle regionali calabresi? Prima i nomi, poi i programmi. Spirlì sta facendo un ottimo lavoro". Le parole di Matteo Salvini, di circa una settimana fa, non hanno lasciato indifferenti gli altri partiti della coalizione.

Da settimane infatti serpeggia strisciante l'idea che la Lega, nel gioco di incastri che definirà i candidati del centrodestra alle amministrative, possa guardare con interesse alle regionali calabresi.  Il diretto interessato non conferma e non smentisce, allo stesso tempo però non chiude la porta rispetto alla possibilità di candidarsi alla prossima tornata elettorale.

"Io sono sempre molto diretto, ringrazio Matteo Salvini per le belle parole e la vicinanza che mi assicura giorno dopo giorno. La cosa più importante è guardare avanti con il timone in mano, nonostante qualche bordata delle opposizioni ma è normale che ci sia. C’è un rispetto verso il Presidente e la giunta regionale per il momento storico difficilissimo che non ha precedenti, questo porta ad escludere quasi del tutto scontri e contrasti".

Nel corso della diretta di 'Spinoza', Spirlì prova a smarcarsi e aggirare l'argomento. Stimolato nuovamente sul tema, chiarisce.

'Se escludo una mia candidatura? Se penso a quanto accaduto in questo anno, mai avrei immaginato a quasi 60 anni di occuparmi della Regione Calabria da Presidente e della salute dei calabresi in una fase storica irripetibile, eppure è capitato.

Per il momento non penso al futuro, lascio al tempo le decisioni. Io ritengo che i partiti di centrodestra si debbano sedere a un tavolo e trovare i candidati da presentare ai calabresi. È importante ridare alla Calabria un governo completo, nel pieno delle sue funzioni', le parole del presidente f.f..

Aspirazioni legittime, se esistenti, da parte di Spirlì. Allo stesso tempo, la Lega prova a capire se c'è una fessura dentro la quale inserirsi. Fessura riconducibile alle difficoltà dei vertici di Forza Italia di far 'digerire' la candidatura di Roberto Occhiuto. Nel tavolo richiesto da Giorgia Meloni (e che salvo sorprese non si terrà prima di Pasqua, come richiesto invece dalla leader di Fratelli d'Italia) l'indicazione di Occhiuto da parte di Forza Italia agli alleati sarà uno degli argomenti che terrà principalmente banco.

Come già scritto su queste pagine, in attesa della riunione e di capire le prime mosse sulla scacchiera del centrodestra,  un fatto sembra emergere come un iceberg nel mezzo del mare incerto: Fratelli d'Italia e Forza Italia ad oggi non sembrano voler nemmeno prendere in considerazione l'ipotetica candidatura di Spirlì a Governatore della Calabria.