Al liceo Volta si discute di “Gestione del rischio sismico” con la Protezione Civile

Il convegno intende promuovere l’incontro tra scuola, mondo della ricerca e istituzioni preposte alla gestione tecnica nell’emergenza sismica al fine di informare i giovani studenti

Il Liceo ScientificoAlessandro Volta”, con il Rotary Club Parallelo 38 e l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, organizza il Convegno “Gestione del rischio sismico. Governance, strumenti, risorse, tecnologie”.

QUANDO

Il convegno, che avrà luogo presso il liceo reggino, è previsto per giovedì 7 marzo alle ore 10.00.

OBIETTIVI

Con il service del Rotary Club Reggio Calabria Sud Parallelo 38 ed il contributo dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria,il convegno intende promuovere:

  • l’incontro tra scuola, mondo della ricerca e istituzioni preposte alla gestione tecnica nell’emergenza sismica al fine di informare i giovani studenti in relazione ai rischi naturali presenti sul territorio;
  • rafforzare quell’insieme di principi, regole condivise e procedure che riguardano la gestione dell’emergenza;
  • contribuire a formare una comunità consapevole in grado di auto-proteggersi grazie alla conoscenza dei complessi equilibri che regolano la nostra vita, l’ambiente e i rischi naturali.

Alla presenza di figure istituzionali competenti e professionisti del settore, presso l’aula Socrates del liceo cittadino, verranno analizzati due aspetti fondamentali del rischio sismico.

PARTECIPANO

Il Prof. Felice Arena, Ordinario in Ingegneria dell'Oceano presso l'Università Mediterranea di Reggio Calabria e Direttore del Laboratorio di Ingegneria dell'Oceano Naturale, tratterà del Rischio maremoto nell’area dello Stretto di Messina, con una ricostruzione del tragico tsunami del 1908, per procedere poi ad una valutazione dei sistemi di prevenzione.

A seguire,  il Prof. Mauro Dolce, Ordinario in Tecnica  delle Costruzioni presso L’Università di Napoli Federico II e Direttore Generale presso il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, spiegherà le caratteristiche della sequenza sismica dell’Italia Centrale nel biennio 2016/17, evidenziando le modalità di gestione dell’emergenza.