Nomina Fincalabra, Ferro risponde a Molinaro: 'Ossessionato da FdI, tenta di sollevare dubbi'

L'onorevole Wanda Ferro è intervenuta sulla questione della nomina del dirigente di Fincalabra, caso sollevato qualche giorno fa dal consigliere della Lega

Pochi giorni fa, Pietro Molinaro, consigliere regionale della Lega Calabria, ha denunciato come “anomalo”, l’avviso interno di Fincalabra per la nomina del Direttore generale.

"Non credo sia corretto gestire con questi metodi la finanziaria regionale pubblica”.

Ha scritto in una nota a mezzo stampa l’esponente del Carroccio che, contemporaneamente, annunciava di portare la vicenda – insieme alla complessiva gestione di Fincalabra – davanti alla Commissione di vigilanza di Palazzo Campanella, di cui è peraltro componente.

Alle sue parole hanno fatto seguito quelle di Wanda Ferro, esponente di Fratelli d'Italia.

Nomina dirigente Fincalabra, Wanda Ferro risponde a Molinaro

Wanda Ferro

Di seguito una dichiarazione della coordinatrice regionale di Fratelli d'Italia, on. Wanda Ferro:

"Ho evitato fino ad oggi di intervenire sulle dinamiche che interessano la gestione dell’amministrazione regionale, consapevole della necessità di affrontare con senso di responsabilità e spirito di coesione politica una stagione delicatissima per l’intera Nazione, e ancor più per una Calabria penalizzata da carenze e ritardi decennali. Nel difficile contesto di una giunta che non ha più la sua guida politica e di un Consiglio regionale che ha poteri limitati ed è privato nella sostanza della sua funzione di indirizzo, Fratelli d’Italia ha continuato a dare il suo contributo in termini di proposte,  lavorando a testa bassa nell’interesse dei calabresi ed evitando polemiche sterili.

È però il caso di precisare che non è stata certo Fratelli d’Italia a prendere in appalto la lunga lista di nomine e incarichi assegnati, pur legittimamente, negli ultimi mesi.  Fratelli d’Italia si sta così radicando sul territorio ed è tanto capace di ottenere con la bontà delle sue proposte la fiducia dei cittadini, da non essere interessata ad operazioni clientelari finalizzate a costruire il consenso in vista della prossima campagna elettorale. Per questo non possiamo in alcun modo accettare dichiarazioni come quella del consigliere Molinaro, che non è ben chiaro se parli a titolo personale o a nome del partito che esprime, in questa fase, il presidente facente funzioni della Regione".

Nella nota che ha scatenato la reazione del partito di centrodestra coordinato dalla Ferro, il consigliere fa riferimento a Spirlì dicendo di aver "già segnalato la questione al collega di partito, affinché assuma i doverosi provvedimenti”. A tal proposito il coordinatore di Fratelli d'Italia ha aggiunto:

"Nel secondo caso dovrebbe forse interrogarsi più proficuamente sui tanti incarichi affidati in ogni settore, con criteri più o meno meritocratici, più o meno politici, più o meno territoriali. Invece il consigliere Molinaro, ormai ossessionato dall’assessore di Fratelli d’Italia, tenta di sollevare dubbi su un incarico, quello del direttore generale di Fincalabra, per il quale non è stato prevista una nomina esterna, in quel caso forse sospettabile di interesse elettorale, ma che viene affidato opportunamente ad un dirigente interno, con evidente risparmio di spesa per le casse regionali e garanzia di competenza. Sulla trasparenza e sulla correttezza della gestione amministrativa Fratelli d’Italia non riceve certo lezioni dal consigliere Molinaro".