LFA Reggio, Praticò: 'Sul marchio non temiamo aste. Sulle dichiarazioni di Ferrero...'

"La palla è in mano alla LFA Reggio Calabria. Tutti gli altri saranno comunque dei disturbatori"

Altro intervento del Club Manager Giuseppe Praticò nel corso della trasmissione “Momenti Amaranto“, ha riguardato la storia del marchio e le dichiarazioni dell’ex presidente della Sampdoria Massimo Ferrero: “Noi già da settembre e come più volte ribadito dal patron Ballarino, abbiamo costituito un team di professionisti che lavora su denominazione e marchio. Qualche giorno addietro è stato incaricato il Giudice Delegato e nominati i due curatori e noi siamo pronti, non temiamo aste, perchè il nostro obiettivo è quello dichiarato da tempo: prendere il marchio e da luglio chiamarci Reggina. Su questi aspetti non abbiamo dubbi. La LFA Reggio Calabria è stata indicata dalle istituzioni cittadine alla FIGC e la federazione ha consegnato il titolo in rappresentanza della città come recita l’articolo 52 delle Noif. E’ secondo me inevitabile, anche al netto di azioni di disturbo, che il percorso debba essere questo”.


Le dichiarazioni di Ferrero

Secondo me l’ex presidente della Sampdoria Ferrero, che non conosco, con quelle dichiarazioni in una piazza che mesi addietro è stata violentata, alimenta solo confusione. Piuttosto dovrebbe spiegare bene cosa fare con il marchio. Se lo appenderà nella sua stanzetta o intende fare calcio e quindi esporre il progetto. Basta la politica nel calcio, le due cose non hanno mai viaggiato sullo stesso binario. Evitiamo speculazioni. Ferrero dovrebbe dire: voglio comprare il marchio per fare questo. La LFA Reggio Calabria non ha alternative rispetto all’acquisizione del marchio e al cambio di denominazione. Con onestà intellettuale dobbiamo dire che la palla è in mano alla LFA Reggio Calabria. Tutti gli altri saranno comunque dei disturbatori. Vuoi fare calcio a Reggio Calabria? Secondo me il primo passaggio deve essere quello di interfacciarsi con l’attuale società e poi parlare di marchio e tutto il resto“.