Reggina: qualità, difetti e problematiche riscontrate da Mastour. Spiega tutto Filippo Galli

L'ex responsabile del settore giovanile del Milan, lo ha avuto con se in rossonero

Prossimo acquisto anche inaspettato della Reggina, è il giovane Mastour, talento indiscusso di qualche stagione addietro, decisamente in ombra negli ultimi anni. La società amaranto punta sulle sue qualità e sulla sua voglia di rivalsa. A "Buongiorno Reggina" è intervenuto Filippo Galli, l'ex responsabile del settore giovanile del Milan che ha avuto con se il giovane calciatore. Ne spiega pregi e difetti:

"Fu l'Inter a scoprire Mastour ed il ragazzo aveva iniziato lì il suo percorso. Poi il cambio di procuratore ed il nostro interessamento ha fatto si che iniziasse il cammino con il settore giovanile del Milan.

La tecnica fine a se stessa non ha valore nel calcio. Mastour è un calciatore di grandi qualità, però poi se non la metti a disposizione del gioco di squadra, l'utilizzo dei gesti tecnici, diventano fine a se stessi. A tutto questo si sono aggiunte problematiche create dal suo entourage che ne ha voluto accelerare i tempi di inserimento nel grande calcio, creando danni al ragazzo che purtroppo ne è stato vittima.

Ritengo che Mastour abbia compreso quanto accaduto a distanza di qualche anno, adesso è importante che lui si rimetta in gioco. Sfruttare le sue qualità, metterle al servizio della squadra, capire che si gioca anche quando la palla è in possesso degli avversari, essere calciatore prima di essere campione. Il talento è ciò che la natura ti concede, conosco poco Toscano ma certamente un tecnico può mettere nelle condizioni il giocatore di poter sfruttare al meglio queste sue potenzialità.

Mastour può giocare da esterno, accanto alla punta, anche se negli ultimi anni non l'ho seguito e quindi non saprei che tipo di evoluzione tattica abbia potuto subire. Faccio un grosso in bocca al lupo a Mastour ed alla Reggina".

 

 

Seguici su telegramSeguici su telegram