Reggina, Taibi indica la strada. Il suo legame con Reggio e quel sogno sempre vivo

"C'è un giocatore della Reggina che mi impressiona. Andrà in A? Faccio il tifo per lui

Le difficoltà ci sono e sono evidenti. Il Ds Taibi qualche giorno addietro ha voluto addossarsi ogni responsabilità, probabilmente per lasciare lavorare serenamente tecnico e squadra. Oggi ha parlato ai colleghi di okcalciomercato.it:

La Reggina e la crisi. Gli obiettivi

"Bisogna continuare a stare concentrati, lavorando come stanno facendo i ragazzi. Così si può svoltare. La Reggina deve pensare solo alla partita di sabato: fare progetti in questo momento, guardare avanti o dietro sarebbe sbagliato. Abbiamo il desiderio e la voglia di riprenderci. Dopo nove partite, dire quale potrebbe essere l’obiettivo stagionale è prematuro. La Reggina deve pensare a dimostrare e non fare calcoli di classifica".

Il legame con Reggio Calabria

"Sono legatissimo a Reggio, per me è come se fosse casa mia. Qui sono stato da giocatore ed ora da dirigente, per cui per me è una piazza importante, dove spero di restare per molto tempo. Poi c'è una società che mi piace molto, mi soddisfa e personalmente coltivo l’interesse di portare un domani, non so quando, spero presto, la Reggina dove merita, ossia in Serie A".

Le favorite per la promozione in A

"Credo che le retrocesse della Serie A della scorsa stagione, in primis la Spal, siano le favorite. Non bisogna dimenticarsi ovviamente anche del Monza, che ha fatto un mercato importantissimo. Le prime sette della classifica di ora si giocheranno i posti promozione e play-off fino alla fine. Speriamo di rientrare anche noi".

Giocatori bravi in serie B

"Ci sono tanti giovani bravi che ho visto in giro per la Serie B. Se devo dirne uno su tutti dico il nostro Enrico Del Prato, che personalmente mi impressiona. Se giocherà in Serie A da qui a breve dipenderà soprattutto da lui, è un ragazzo attento e ha tutte le potenzialità per emergere. Io ovviamente faccio il tifo per lui”.