Reggio, alla scuola De Gasperi il convegno “Cyberbullismo e uso responsabile della Rete”

Gli studenti reggini hanno ascoltato con attenzione le parole del garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Calabria Antonio Marziale e di altri importanti relatori

Lunedì 25 febbraio presso l'Auditorium della Scuola Secondaria di I grado "A. De Gasperi", si è svolto  il convegno “Cyberbullismo e uso responsabile della Rete”, su iniziativa del Prof.re Alessandro Monorchio in qualità di animatore digitale dell'Istituto Comprensivo Catanoso-De Gasperi, nell'ambito del Safer Internet Day 2019.

Nel porgere i saluti ai presenti il dirigente scolastico, Prof.ssa Sonia Barberi, ha sottolineato che ci troviamo davanti ad un'emergenza educativa incombente, i nostri ragazzi sono figli dei social e conoscono bene questo nuovo codice mediatico al contrario di noi genitori, figli della generazione precedente tanto da essere definita generazione degli "immigrati digitali". Ed è per questo motivo che dobbiamo conoscere quali siano le criticità e a quali pericoli i nostri figli e noi stessi andiamo incontro.

Pensiero condiviso anche dal Dott. Antonio Marziale, garante per l'infanzia e l'adolescenza della Regione Calabria, il quale ha aggiunto che orami noi viviamo più a contatto con questi strumenti virtuali che con i nostri simili, tanto che il nostro fisico sta cambiando postura piegando la testa e la schiena iniziando anche ad avere dei seri problemi di salute. Aggiunge che dopo l'aereo forse è l'invenzione che ha cambiato le nostre vite, se pensiamo ai nostri nonni che vedevano emigrare in Australia i propri figli e che per ricevere una lettera passavano mesi, adesso invece un figlio che emigra si può video chiamare ogni giorno. Ma come l'aereo può distruggere delle vite, leggi Torre Gemelle, la rete può anche distruggere ed è per questo motivo che è indispensabile educare ad un uso corretto i nostri giovani. Il dottor Renato Marafioti, Presidente sezione Territoriale AICA Calabria nel suo intervento ha commentato delle immagini dei TG nazionali sul bullismo e cyberbullismo con fatti cronaca realmente accaduti e per attirare l'attenzione dei giovani alunni presenti anche un cartone animato "La ragazza invisibile" dove, con linguaggio molto semplice, spigava loro il rischio di postare foto sui social.

A relazionare su come tutelare i propri figli e se stessi dal rischio della rete è stato il Dott. Vincenzo Cimino, Dirigente Compartimento Polizia Postale Regione Calabria; ha spiegato ai ragazzi quanto può essere pericoloso postare dei selfie e che il furto d'identità può avvenire in soli 60", ed ancora di far attenzione ai siti web clone e di navigare sempre e solo su siti attendibili. Ultimamente il rischio è anche su wathsapp dove vengono rubate identità, immagini e contatti. Ha concluso con uno slogan molto importante "Ricorda il miglior garante della tua privacy sei tu. Tutto ciò che postiamo sui social non è virtuale, ma reale".

Su come difendersi e tutelarsi da questi rischi ha relazionato il dott. Guido Morabito, commissario Capo Tecnico Polizia Postale, suggerendo, tra le tante cose, di tenere sempre aggiornati i software, di personalizzare l'impostazione della privacy, di non accettare amicizie sconosciute o dubbie e soprattutto di non condividere informazioni personali.

Infine il dott. Guido De Caro, direttore del centro psicoterapia dell'infanzia ed adolescenza di RC, ha relazionato sulla necessità di evitare i rischi psicologici affinché la formazione e l'educazione diventino una palestra di responsabilità.

L'Istituto Comprensivo "Catanoso-De Gasperi" con la sua apertura al territorio ha mostrato, ancora una volta, il suo ruolo centrale nell'impegno pedagogico e culturale, grazie anche al rapporto collaborativo e positivo con le famiglie.

Seguici su telegramSeguici su telegram