Regione Calabria, galleria dei Presidenti. Se Scopelliti diventa "Giueseppe"...

Tra tutti salta all'occhio il 'faccione' di Scopelliti chiamato 'Giueseppe'

L’errore marchiano nell’appena inaugurata “Galleria dei presidenti” nella sede della giunta Regionale, colpisce l’unico presidente reggino.

L’hanno dipinta come una giornata storica, e solenne al contempo. Ed in effetti l'inaugurazione della Galleria dei Presidenti della Regione Calabria e l'intitolazione ai primi cinque Presidenti dell'Ente delle strade interne della stessa Cittadella, ha pieno titolo ad essere etichettata così.

Il Governatore Mario Oliverio ha tenuto a sottolineare come “in questo luogo, che rappresenta la casa di tutti i calabresi, ricordiamo, con un'apposita galleria fotografica, coloro i quali hanno avuto l'onere e l'onore di essere eletti a presiedere la Giunta regionale della Calabria”.

Parole che non fanno una piega, ma che non cancellano un errore marchiano che colpisce l’unico presidente della Regione nativo di Reggio Calabria.

Infatti, scorrendo le foto incorniciate dei vari presidenti che si sono succeduti alla guida della Regione Calabria ci si imbatte in quella di Giuseppe Scopelliti, governatore dal 2010 al 2014, che oggi sta scontando la pena a 4 anni e 7 mesi di reclusione, per l’accusa di abuso d’ufficio e falso scaturita nell’ambito del cosiddetto “caso Fallara”.

Naturalmente impossibilitato a prendere parte alla manifestazione, il faccione di Scopelliti incorniciato, salta agli occhi perché da Giuseppe diventa “Giueseppe”.

Insomma, in questi frenetici ultimi scampoli di legislatura targata Oliverio, nessuno si è accorto dell’errore. O forse si. Questo non lo sapremo mai. Ma appare quantomeno grottesco che gli organizzatori siano caduti in un simile errore proprio in una “solenne” cerimonia come quella di lunedì scorso.

E d’altra parte, al di là dell’apprezzamento o meno dell’uomo o del politico, l’errore va corretto. Anche perché, per dirla con Oliverio “Il ricordo non è un fatto meramente nostalgico, ma è la ricostruzione della storia, quanto mai importante per il presente e il futuro di una comunità come la nostra”.

Seguici su telegramSeguici su telegram