Occhiuto: "Regione continuerà a investire per tutela patrimonio naturale"

"Le inchieste che si stanno moltiplicando in Calabria confermano quanto grave sia il fenomeno relativo ai reati ambientali nei nostri territori"

“All’inizio del mio mandato alla guida della Regione, poco più di due anni fa, ho posto al centro dell’agenda di governo la tutela del nostro ambiente forestale e marino, dialogando innanzitutto con la magistratura e con le forze dell’ordine, che hanno un ruolo determinante nel contrasto ai reati ambientali”.

Così Roberto Occhiuto, presidente della Regione Calabria.

300x250px AISLA Corso

“L’ho fatto perché ritenevo il quadro generale estremamente degradato e abbandonato, dopo decenni di incuria anche da parte di chi avrebbe avuto il dovere di amministrare il proprio territorio con attenzione e serietà.

Le inchieste che si stanno moltiplicando in Calabria – soltanto ultima in ordine di tempo l’operazione ‘Scirocco’ che ha condotto stamane all’arresto di 17 persone e al sequestro di 10 milioni di euro – confermano quanto effettivamente grave sia il fenomeno relativo ai reati ambientali nei nostri territori.

L’indagine messa in luce oggi riguarda l’inquinamento determinato dall’illecita gestione di diversi impianti di depurazione al servizio dei Comuni.

Ringrazio anche a nome di tutti i calabresi i carabinieri del Comando Tutela Ambientale e Sicurezza Energetica e del Comando per la Tutela Forestale e dei Parchi, per la straordinaria azione investigativa messa in atto.

La mia Giunta continuerà incessantemente a vigilare e a investire sul miglioramento del sistema depurativo dei nostri Comuni, così come sulla tutela complessiva del nostro patrimonio naturale che – come ho spesso sottolineato – costituisce la più grande ricchezza della Calabria”, ha concluso il presidente della Regione Calabria.