Serie B: covid 19, provocazioni e polemiche a distanza. Parla il Ds Fabiani

Galliani chiede lealtà, la Reggiana non può più chiedere rinvii. Tocca alla Salernitana

Il calcio ci sta provando in tutti i modi ad andare avanti. A fronte di introiti nettamente calati per mancanza di sponsor e botteghino, le società continuano ad investire sui protocolli per cercare di poter continuare la stagione con la maggiore sicurezza possibile. Ma i casi di covid 19 si susseguono in tutte le categorie e la serie B sembra in questo momento quella più colpita. Il caso della Reggiana è quello più eclatante con 29 positivi nel gruppo squadra ed un rinvio già richiesto, quindi non più replicabile.

Sulla questione è intervenuto l'AD del Monza Adriano Galliani, muovendo accuse precise verso alcuni presidenti, seppur senza mai nominare nessuno. Ad oggi la Reggiana non è nelle condizioni di poter scendere in campo ed allo stesso tempo ha fatto sapere di non avere alcuna intenzione di giocare a Salerno con tantissimi ragazzi della squadra Primavera. Si è chiesto allora un accordo tra società al fine di trovare una soluzione e quindi concordare il rinvio del match. Sulla questione è intervenuto il Ds dei granata Fabiani a Gazzetta dello Sport:

Siamo disposti a venire incontro alle esigenze della Reggiana a patto che la soluzione non danneggi nessuno. La Salernitana ha giocato martedì a Genova e la prossima settimana ha l’anticipo a Ferrara. E’ chiaro che diventa complicato se non spostano quella partita o prevedono il recupero quando abbiamo 5-6 nazionali in Europa”.