Reggio, la Metro City investe sui murales: una short list raccoglierà gli artisti

Il Delegato alla Cultura Filippo Quartuccio rilancia l'indirizzo della Metrocity per la realizzazione di nuove opere murali nei Comuni del territorio metropolitano

La Città Metropolitana investe ancora sulla street art. Considerato anche il grande successo della prima edizione del bando destinato ai Comuni per la realizzazione di murales, l'Ente di Palazzo Alvaro ha deciso di realizzare una short list di artisti e artiste, anche riuniti in gruppo, specializzati nella progettazione e realizzazione di opere murali in spazi pubblici.

La Metro City di Reggio Calabria investe sulla street art

L'avviso è stato pubblicato sull'albo pretorio della Città Metropolitana e scadrà il prossimo 8 luglio.

«La Street art - ha sostenuto il consigliere metropolitano delegato alla Cultura, Filippo Quartuccio - è una forma d'arte sulla quale l'amministrazione, a partire dal sindaco Giuseppe Falcomatà e continuando col sindaco facente funzioni Carmelo Versace, ha da subito puntato per riqualificare e rilanciare antichi borghi o aree particolari delle nostre città e dei nostri paesi. La bontà dell'operazione è stata sottolineata dalla grande partecipazione dei Comuni a specifici bandi di settore che, quest'anno, contano ben 43 proposte prese in considerazione dell'Ente. Adesso, vogliamo creare una vera e propria short list di "street artists" per dare spazio alla creatività, all'estro ed alla bravura di quanti possono mettere a disposizione il loro talento per rendere davvero unici ed inimitabili alcuni fra gli scorci più suggestivi del nostro territorio metropolitano che necessitano, tuttavia, di una riqualificazione ed un'attenzione particolare».

«L'idea - ha spiegato Quartuccio ripercorrendo alcuni passi dell'Avviso pubblico - è quella di spingere per un intervento artistico urbano di forte capacità comunicativa e di impatto sulla comunità in spazi resi disponibili da parte dei Comuni del territorio metropolitano così da ammodernare aree urbane con la reinterpretazione e rappresentazione del patrimonio storico-artistico locale».

Insomma, storia, tradizioni, peculiarità e radici dei singoli territori andranno ad intrecciarsi col tema scelto dall'amministrazione:

«I miti della Magna Grecia, in coerenza con il 50° anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace». «Sarà - ha continuato il consigliere metropolitano - un vero e proprio viaggio per omaggiare i guerrieri venuti dal mare, simbolo di un'area in cui storia e mito si legano e si rinnovano attraverso tutti i linguaggi». «I progetti - ha concluso Quartuccio - saranno realizzati previa consultazione e in accordo con i Sindaci dei Comuni partecipanti. E, ad ogni artista, potrebbe essere richiesto di produrre più opere».