Non hanno mai giocato in Nazionale. Ci sono anche due ex Reggina

L'elenco è pubblicato da Tuttosport, sono 32 i calciatori di tutto il mondo presi in considerazione

Ristobottega

Una lista di 32 calciatori di tutto il mondo, di elevate qualità tecniche e molti di questi anche realizzative, che nel corso della loro carriera hanno indossato maglie prestigiose dei più importanti club a livello calcistico, senza però mai vestire quella della propria Nazionale. E’ quanto viene pubblicato oggi su Tuttosport come dato curioso e ancora più curioso che in questo elenco figurino due calciatori che invece hanno, tra le altre, indossato anche la maglia della Reggina: Nicola Amoruso con 96 presenze e 40 gol e il reggino Benny Carbone, 35 presenze e 5 reti., quest’ultimo reggino.

Su Tuttosport


Benito Carbone (Italia). Nel corso della sua carriera ha giocato per 17 club diversi – tra cui Napoli, Inter, Sheffield Wednesday e Aston Villa – e non ha mai vinto un trofeo e non ha ricevuto la chiamata azzurra.

Nicola Amoruso (Italia). Ricordato soprattutto per la sua esperienza alla Juventus, dove vinse tre titoli di Serie A e arrivò secondo in Champions League, Amoruso è apparso quattro volte con la Nazionale Under 21 italiana, ma non ha mai esordito in nazionale maggiore“.

L’elenco completo: Mark Noble (Inghilterra), Manuel Almunia (Spagna), Raul Amarilla (Spagna), Alessandro Renica (Italia), Ruud Hesp (Olanda), Fran Yeste (Spagna), Horst Blankenburg (Germania), Luis Vinicio (Brasile), Benito Carbone (Italia), Albert Stubbins (Inghilterra), Andrés Palop (Spagna), Carlo Cudicini (Italia), Craig Johnston (Inghilterra), Arsenio Erico (Paraguay), Gunnar Andersson (Francia), Breno (Brasile), Agostino Di Bartolomei (Italia), Stefan Klos (Germania), Dario Conca (Argentina), Nicola Amoruso (Italia), Steed Malbranque (Francia), Sergio Brio (Italia), Delio Onnis (Argentina),  Arthur Rowley (Inghilterra),  John McGovern (Scozia), Dario Hubner (Italia), Gabi (Spagna), Jimmy Case (Inghilterra), Steve Bruce (Inghilterra), Tomás Carlovich (Argentina), Paolo Di Canio (Italia), Mikel Arteta (Spagna).