Aeroporto dello Stretto, Falcomatà: 'Reggio vuole risposte vere e rassicuranti da Sacal

L'investimento della Città Metropolitana (250 mila euro) non ha portato gli effetti sperati. "I voli sono diminuiti ed ora l'aeroporto è chiuso'. Le parole del sindaco Falcomatà

«Sono fortemente preoccupato per le sorti del nostro aeroporto perché, oltre ad esserne stata prolungata la chiusura, sono tutt’altro che buone le notizie locali che giungono sulla sua gestione».

Lo afferma il sindaco metropolitano Giuseppe Falcomatà analizzando «i fatti che hanno portato alla cassa integrazione per i dipendenti di Alitalia, all’impossibilità di effettuare prenotazioni di voli per le stagioni estiva ed autunnale e, ancora di più, all’assenza di liquidità manifestata dall’ente gestore, Sacal, talmente grave da impedire l’anticipazione degli ammortizzatori sociali per il proprio personale».

Il sindaco Falcomatà evidenza:

«Ogni anno la Città Metropolitana contribuisce con 250 mila euro per la salvaguardia dell’aeroporto “Tito Minniti”, attraverso un finanziamento che deve consentire a Sacal di attuare campagne di marketing territoriale ed il conseguente rilancio dell’immagine dei 97 Comuni del territorio. Questo investimento, però, non ha portato gli effetti sperati e, piuttosto che aumentare, i voli non solo sono diminuiti ma, addirittura, ci si avvia ad un desolante ed inaccettabile stallo dell’aeroporto quasi a confermare i timori da me espressi non più di un mese fa».

L'inquilino di palazzo Alvaro afferma ancora:

«In questa fase è importante che Sacal dia notizie chiare, vere e soprattutto rassicuranti sulla programmazione delle prossime settimane e su quella dei mesi a venire che riguarda gli aeroporti calabresi e, in particolar modo, l’aerostazione di Reggio Calabria».