Il Consiglio onora la memoria del giovane giornalista Antonio: minuto di raccoglimento per Megalizzi

Il reggino, convinto europeista, fu vittima nel 2018 di un attentato a Strasburgo. L’aula gli rende omaggio

Era un giovane giornalista innamorato della vita, della radio e dell’Europa. Era il 14 dicembre 2018, e perdeva la vita in un attentato a Strasburgo, Antonio Megalizzi. Un reggino con un sogno nel cuore.

Un minuto di silenzio in memoria di Antonio Megalizzi

Armando Neri non ha aspettato l’inizio del Consiglio comunale riunitosi questa mattina in seduta straordinaria di prima convocazione, per proporre all’aula un minuto di raccoglimento in memoria del giornalista reggino. Lo stesso presidente della Commissione Bilancio ha ricordato anche come il sindaco Giuseppe Falcomatà all’epoca proclamò il lutto cittadino, insieme al successivo momento di raccoglimento con la città, in piazza Duomo, con la deposizione di candele al cospetto della bandiera dell’Unione europea.

Un momento di sentita emozione per i consiglieri comunali e l’amministrazione tutta, riuniti in un fragoroso applauso conclusivo.

Demetrio Marino (FdI) ha poi lanciato due proposte: intitolare l’Ufficio stampa del Comune al giovane Megalizzi e implementare a sua memoria anche la borsa di studio nata tra l’Università di Reggio e di Trento per dare forza ad una iniziativa territoriale con una giornata dedicata ai giovani e alla comunicazione.

Da parte sua Marcantonino Malara ha ricordato il premio artistico letterario partorito, nella scorsa consiliatura, dalla Commissione politiche giovanili, in memoria di Megalizzi, auspicandone una seconda edizione.

Nino Castorina (Pd) traccia un parallelo tra le vicende che nel passato hanno contraddistinto il mese di dicembre (morte di Italo Falcomatà, di Antonio Megalizzi e del capitano Natale De Grazia) tenendo insieme il tema dei diritti negati e proponendo uin'approfondita riflessione in Consiglio sull'Europa, con particolare attenzione al Recovery Fund.