Comunali 2020, Bersani sostiene Falcomatà: 'Noi non siamo quelli che hanno insultato il Sud'

"E non abbiamo bisogno di venire da fuori per governare la città, noi siamo qui"

Nel pomeriggio odierno, Piazza Camagna, in pieno centro a Reggio Calabria, ha ospitato Pierluigi Bersani. L'ex Ministro dell'Industria, accompagnato da Alex Tripodi (Lista Reggio Coraggiosa) e Nico Stumpo, ha sostenuto Giuseppe Falcomatà nella corsa alla carica di Primo Cittadino. Di seguito alcune dichiarazioni del fondatore di Articolo 1.

Italo è in mezzo a noi

"Non si può perdere con una piazza così. Qui c'è anche Italo. Sono contento di essere qui con voi per partecipare alla vostra bellissima battaglia che si svolge in una situazione non semplice. Sarà una fatica andare a votare, tra mascherine e distanziamento, però bisogna andare assolutamente. Questa è una delle capitali del Mezzogiorno e non può non risentire del clima politico generale. Io credo che il Governo stia facendo bene il suo dovere."

Differenza tra sinistra e destra

"Dall'altra parte abbiamo una destra regressiva, incombente, che come tutte le destre del mondo, ma in modo particolare qui, non ha preso le misure di questa emergenza e non ce l'ha nel DNA la generosità di dare una mano. Non possiamo chiederglielo. In nessun paese d'Europa, e forse anche nel mondo, non c'è stata un'opposizione così inutile come quella italiana. Una presenza aggressiva, negativa non aiuta".

Ci fidiamo solo di Falcomatà

"A Reggio Calabria, qualunque sia l'esito delle elezioni, arriveranno dei soldi. Ma noi li vogliamo nella legalità, nella trasparenza e nella pulizia. Noi non ci fidiamo di loro, ci fidiamo di lui (Falcomatà ndr.). E secondo, diciamoglielo: noi non siamo "loro", non siamo quelli che hanno insultato per decenni i meridionali per poi chiedergli il voto; e non siamo neanche Fiamma Tricolore. Non siamo quelli che hanno bisogno del capro espiatorio, o del diverso da aggredire. Non abbiamo bisogno di venire da fuori, perchè ci siamo."