Nuovo incarico per Nicola Gratteri, arriva la cattedra universitaria

Nuovo incarico per il Procuratore della Repubblica di Catanzaro. Gratteri torna in aula, non si tratta di un tribunale, ma di un'università

Nuovo incarico per il Procuratore della Repubblica di Catanzaro. Gratteri torna in aula, questa volta non si tratta però di un tribunale, ma di un’università.

L’Ateneo ‘Magna Grecia‘ di Catanzaro ha un nuovo docente, a renderlo pubblico un avviso sul sito istituzionale dell’università calabrese.

“La scuola di specializzazione per le professioni legali – si legge nell’avviso – ha l’obiettivo di sviluppare negli allievi l’insieme di attitudini e di competenze caratterizzanti la professionalità dei magistrati ordinari, degli avvocati e dei notai, anche con riferimento alla crescente integrazione internazionale della legislazione e dei sistemi giuridici ed alle più moderne tecniche di ricerca delle fonti. 

Il corso, dalla durata biennale, offre al laureato in Giurisprudenza una formazione specialistica che – attraverso l’apprendimento teorico integrato da esperienze pratiche e da un rapporto ravvicinato con le realtà professionali (è previsto, infatti, un tirocinio obbligatorio di 100 ore presso gli Uffici giudiziari convenzionati) – mira a far acquisire le competenze idonee ad affrontare i concorsi per l’esercizio delle professioni forensi (magistratura, avvocatura e notariato)”.

Nell’avviso si legge, inoltre:

“L’offerta formativa della SSPL di Catanzaro prevede innovativamente, per l’anno a. a. 2019/2020, l’inclusione di ulteriori moduli pratici, una serie di seminari che proporranno l’approfondimento di temi di attualità calibrati in funzione dello svolgimento delle prove concorsuali, e la presenza di nuovi qualificati docenti, tra i quali anche il Procuratore della Repubblica di Catanzaro – dr. Nicola Gratteri”.

La domanda di partecipazione alla Scuola di specializzazione per le professioni legali dell’Università Magna Grecia di Catanzaro dovrà essere presentata entro il 4 ottobre prossimo.

Seguici su telegramSeguici su telegram