Brogli elettorali a Reggio, il centrodestra: 'Elezioni inquinate. Lamorgese intervenga'

Negli atti del procedimento vengono proiettate ombre significative sulla posizione del sindaco in carica, affermano i senatori del cdx

In una nota congiunta FI, Fratelli d'Italia e Lega, chiedono in una interpellanza urgente al ministro dell’Interno l'intervento per fare chiarezza dopo i brogli elettorli e del caso Castorina.

BROGLI ELETTORALI, L'INTERROGATIVO DEL CDX AL MINISTRO

“Fermi restando gli accertamenti in corso in sede penale, il ministro Lamorgese quali iniziative intende assumere per assicurare la legittimità delle istituzioni comunali di Reggio Calabria?”.

In particolare la nota è firmata dai senatori Maurizio Gasparri, Stefano Candiani, Giuseppe Mangialavori, Fulvia Caligiuri, Isabella Rauti, Francesco Cannizzaro, Wanda Ferro, Cristian Invernizzi, Maria Tripodie Sergio Torromino.

“Lo scorso dicembre – si legge nell’interpellanza – il Tribunale di Reggio Calabria ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti del consigliere comunale Antonino Castorina e del presidente di seggio Carmelo Giustra, nell’ambito di un’indagine dalla quale sarebbero emersi elementi inquietanti che hanno portato alla contestazione di ben 19 capi di incolpazione.

VOTI FALSI ATTRIBUITI A PERSONE DECEDUTE

In particolare, gli indagati avrebbero messo in opera un articolato, quanto pervasivo, sistema di alterazione del procedimento elettorale, sia mediante la nomina di presidenti di seggio che parrebbero compiacenti, sia mediante la registrazione di voti falsi attribuiti addirittura a persone decedute. Negli atti del procedimento penale, peraltro, vengono proiettate ombre significative sulla posizione del sindaco in carica, poi riconfermato, Giuseppe Falcomatà.

Al di là dell’accertamento delle responsabilità individuali che avverrà in sede penale, emergono profili d’illegittimità di rilevanza tale da inficiare l’intero procedimento elettorale e i suoi esiti. Castorina è infatti risultato il candidato più votato di tutto il Centrosinistra con oltre 1.500 preferenze, decisive per consentire alla coalizione di superare la soglia necessaria a ottenere il premio di maggioranza. Chiediamo al ministro dell’Interno – concludono i parlamentari – cosa intenda fare per verificare i fatti e soprattutto per ristabilire la correttezza del voto popolare qualora le irregolarità fossero confermate”.