Reggio Film Fest 2020, tradizione e modernità hanno caratterizzato la seconda giornata

Il Reggio Calabria Film Fest presenta un programma ricco tutto da vivere e da seguire

Il Reggio Film Fest, bissa il successo della prima serata con i cortometraggi Millennial Movie. Varie, interessanti e dense di significato le proiezioni Amare affondo regia di Matteo Russo, Salsa connection regia di Francesco Barozzi, U Scantu regia di Daniele Surace: attori di livello, location e vari gli argomenti trattati.

Il film "La scelta Giusta" arricchisce di modernità il Reggio Film Fest, una produzione dai toni forti, ma anche ricco di messaggi relativi alle scelte che quotidianamente dobbiamo intraprendere. La regia è di Andrea D’Emilio, con Francesco De Francesco e Costantino Comito.

Luca è un giovane imprenditore, direttore dell'azienda AlterEgo che si occupa di protezione reti e realtà aumentata. Una grossa multinazionale, la Real Tech, a cui sta rubando fette di mercato, si interessa alla AlterEgo e fa un'offerta per comprarla. Luca rifiuta, e la Real Tech comincia a fare pressioni sempre più insistenti. Minacciato dalla Real Tech, da attacchi informatici, e misteriosi incidenti, Luca incontra il suo "doppelgänger", Flavio, più abile, più coraggioso, e più determinato di lui. Flavio lo aiuta ma al tempo stesso lo trascina verso un abisso di alcool e droga.

Il clou della seconda serata è stata la prima assoluta dell'atteso film di Demetrio Casile. "Il matrimonio più sconvolgente della storia" ha conquistato l'Arena dello Stretto, strappando sorrisi, applausi e molte riflessioni. Un film, realizzato grazie ad una raccolta fondi,  da non perdere per i reggini e non solo: il nostro territorio è diventato un set cinematografico, oltre al significativo messaggio di redenzione umana per un percorso, seppure in chiave ironica, di legalità.

Dissacrante la satira nei confronti della criminalità. Il film "ridicolizza" spesso e volentieri gli usi del malaffare, uno strepitoso Giacomo Battaglia, a cui è dedicata la proiezione, nelle vesti di Don Bastiano scandisce con ritmi molto veloci, quasi frenetici il ritmo del film che avrà un lieto fine.

Ottima l'interpretazione di Paola Lavini, nel film è Nunzia la sorella del boss, il suo ruolo chiave sarà fondamentale nel percorso di Cosimino, il 'malcapitato' sposo, che riuscirà a portare grazie a numerosi escamotage la pace e risollevare le sorti delle famiglie.

Il programma di mercoledì 26 agosto:

Ore 18.00
Lido Bahianaca - Reggio Calabria
MasterClass di Scenografia con Gianni Quaranta e Sandra Astorino

Ore 19.00
Arena dello Stretto Reggio Calabria
Concorso di Cortometraggi “Millennial Movie”
Hand in the cap regia di Adriano Morelli
Scena madre regia di Giuseppe Zampella
Clark regia di Andrea Riccioli

Ore 20:00
Un Libro per il Cinema“Terre Promosse” di Paola Abenavoli
Red Carpet
Premio “CiaKalabria” riconoscimento alle migliori maestranze artistiche e tecniche che si sono distinte sui Set Calabresi in collaborazione con la Calabria Film Commission

Ore 22:00
Red Carpet
Arena dello Stretto “C. Franco”
Film in concorso Premio “Bergamotto d’Argento
“La guerra a Cuba” regia di Renato Giugliano. Durata: 105 min.