Regione Calabria, Occhiuto incontra Meloni e Salvini. Poi le dimissioni dalla Camera

Il tempo stringe, è il momento delle scelte. Spirlì sempre più a rischio, chi sarà il vice Occhiuto?

Il tempo stringe, è il momento delle scelte. Questa è la settimana che porterà alla costruzione del nuovo governo regionale calabrese. Roberto Occhiuto è a Roma, oggi dovrebbe incontrare i vertici di Lega e Fratelli d'Italia. Sin troppo facile ipotizzare gli argomenti sul tavolo, vale a dire la valutazione dei possibili profili che faranno parte della prossima giunta, con particolare riferimento al Presidente del Consiglio Regionale e al vice presidente della Regione. In merito a quest'ultima poltrona, ogni giorno che passa vede Nino Spirlì allontanarsi un passo di più dalla Cittadella.

Il ticket Occhiuto-Spirlì è appeso ad un filo, partiti da tempo i ragionamenti su chi potrà prendere il suo posto. Filippo Mancuso in un primo momento sembrava il favorito per raccogliere l'eredità di Spirlì, il coinvolgimento nell'inchiesta Gettonopoli però sembra allontanarlo in modo decisivo. Nelle ultime ore sembrerebbe essere spuntato un nome nuovo, un profilo esterno che fa riferimento a Cosenza, la geografia in questo senso rischia di essere decisiva e in senso negativo.

Difficile infatti pensare ad un'accoppiata 'made in Cosenza' tra Occhiuto e il mister X sbucato in questi giorni. Per le stesse ragioni, appare complicato immaginare a Simona Loizzo (eletta nella circoscrizione Nord con 5360 voti e sponsorizzata dall'ex Sottosegretario Tonino Gentile) quale prossima vice Occhiuto.

Giorni intensi di incontri e valutazioni per Occhiuto, pronto anche a dimettersi dalla Camera. Secondo quanto raccolto da CityNow, domani o giovedi il Governatore potrebbe lasciare ufficialmente il seggio occupato. Intanto, rispetto a quanto riportato su queste pagine nei giorni scorsi piovono conferme riguardo la possibilità che Maurizio Bortoletti diventi il prossimo Sub Commissario della Sanità in Calabria.