Sanità in Calabria, Molinaro: 'Longo è inadeguato. Se ne deve andare'

Rimarcando i problemi sul piano vaccinale, a rilento, ed il mancato aumento dei posti letto ospedalieri, il consigliere chiede le dimissioni del Commissario

"Con una lettera che gli ho inviato il 3 settembre u.s., ho chiesto al Commissario della Sanità calabrese, Guido Longo, di avere spiegazioni sul mancato rispetto degli impegni che aveva assunto con il Consiglio regionale, nella seduta del 26 aprile. Ma Longo non ha dato alcuna risposta. Evidentemente, non sa cosa rispondere, confermando la sua inadeguatezza per il ruolo di Commissario della Sanità".

È quanto scritto in una nota dal consigliere regionale Pietro Molinaro.

"Tra le innumerevoli criticità della sanità calabrese, nella mia lettera ho contestato a Longo quelle su cui era sicuramente in condizioni di incidere, se solo avesse saputo come fare. Dall’andamento del piano vaccinale, all’incremento dei posti letto ospedalieri ed alle assunzioni di personale".

Vaccinazioni e ritardo sull'immunità di gregge

"Sul fronte vaccini, Longo aveva annunciato in Consiglio regionale che la Calabria avrebbe completato il piano vaccinale entro l’estate e sarebbe arrivata alla media di 20.000 vaccini al giorno. Al contrario, l’ultima media mobile a 7 giorni è di 6.500 vaccinazioni al giorno e la Calabria viaggia con oltre un mese di ritardo rispetto alla media italiana. Con l’attuale media di vaccinazioni giornaliere della Calabria, ci vorrà almeno il 29 ottobre per raggiungere l’obiettivo dell’80% di popolazione vaccinata.  Nella media italiana, l’obiettivo sarà raggiunto il 26 settembre.

Sul fronte assunzioni, Longo aveva annunciato in Consiglio regionale che ce ne sarebbero state 690 a tempo indeterminato. Ad oggi non ne risulta nessuna, né Longo ha adottato alcun provvedimento nei confronti dei commissari delle aziende che egli stesso ha nominato".

Il mancato aumento dei posti letto

"L’altro punto su cui non ho ottenuto spiegazioni da Longo è stato il mancato aumento dei posti letto ospedalieri, sia in area medica che in terapia intensiva.

Questi sono tutti fallimenti di Longo e della sua gestione, non di chi c’era prima. Longo non è stato capace di compiere alcun passo in avanti nella direzione indicata dal Decreto Calabria Bis, né di realizzare gli impegni annunciati in Consiglio regionale".

Molinaro chiede le dimissioni di Longo

"Il Commissario Longo se ne deve andare. È inadeguato a gestire la sanità ed ha preso in giro anche il Consiglio regionale. Come avevo già fatto il 26 aprile, in Consiglio regionale, gli rinnovo la richiesta di dimissioni.

È una battaglia che continuerò, prendendo atto che nelle ultime settimane anche altre voci si sono levate per chiedere le dimissioni di Longo. La Calabria, all’unisono, deve ottenere le dimissioni di Longo. È una battaglia doverosa per la tutela della salute dei cittadini".