Reggio, in arrivo nuovi agenti per la Polizia Municipale

Il neo assessore alla Polizia Municipale ha parlato, ai microfoni di CityNow, di nuove assunzione ma anche di vecchi progetti, come il semaforo intelligente per le bretelle del Calopinace

Con l'elezione della Giunta, il secondo mandato del sindaco Giuseppe Falcomatà entra finalmente nel vivo dei lavori.

È per questo motivo che la redazione di CityNow ha già contattato uno per uno tutti i neo assessori per discutere di progetti in sospeso e nuove iniziative per la città di Reggio Calabria da qui ai prossimi anni.

La prima, ad intervenire ai microfoni della nostra testata, è stata Rosanna Scopelliti.

Nella giornata di oggi, invece, abbiamo avuto come ospite Paolo Brunetti, neo assessore del Comune di Reggio Calabria con deleghe all'Ambiente, Rifiuti, Depurazione, Verde Pubblico, Dismissione Amianto e Polizia Municipale.

Nuovi agenti di Polizia Municipale in arrivo

In riferimento alla sua ultima delega, probabilmente una fra le più importanti per la città dello Stretto, Brunetti ci ha svelato di aver già incontrato il Comandante e che ci sono delle importanti novità in arrivo.

"Proprio ieri insieme al sindaco Falcomatà ed all'ex assessore Zimbalatti abbiamo avuto un incontro con il Comandante Zucco. Un primo approccio che è servito da scambio di vedute sulla città. Abbiamo discusso di tanti problemi.

Abbiamo problemi che il dott. Zimbalatti aveva già evidenziato come quello dell'organico all'interno del comando di Polizia Municipale. Considerate che noi, ad oggi, abbiamo 140 agenti a fronte di circa 300 previsti per la nostra città".

Brunetti ha proseguito:

"Non tutti sono abilitati per svolgere attività all'esterno degli uffici. Dalla multa, all'occupazione di suolo abusivo, sono tante le mansioni da svolgere sul territorio. Il dato incoraggiante è che dalla metà di novembre riusciremo ad avere circa 12 unità in più a tempo determinato che faranno esclusivamente servizio esterno.

L'altro dato incoraggiante, se non dovesse essere modificata dal Parlamento, è la normativa prevista dal decreto Agosto che darebbe la possibilità alla città di assumere, nell'anno 2021, ulteriore personale, parliamo di circa 35 Vigili per 4 mesi. Con il Comandante stiamo pensando di assumere 11-12 agenti alla volta in modo tale da poter coprire un periodo di tempo più ampio. Queste ovviamente sono tutte soluzioni tampone in attesa del famoso concorso per assumere agenti a tempo indeterminato".

Una promessa alla città

Un anno fa Reggio viveva una notte drammatica. Lo scorso 28 ottobre una donna ha perso la vita sulle bretelle del Calopinace, l'allora assessore alla Polizia Municipale, Nino Zimbalatti, aveva affermato "Non auguro a nessuno di vedere una scena simile" e si era impegnato nel far si che tragedie simili non avvenissero nuovamente. Da qui era partita l'idea di un semaforo "smart" che sarebbe dovuto entrare in azione a partire da febbraio 2020.

Ad ottobre dello stesso anno non vi è ancora nessuna traccia del semaforo intelligente, caduto ormai nel dimenticatoio, anche a causa della pandemia che ha di fatto bloccato tantissimi settori. Ma il neo assessore Brunetti, conscio dell'importanza del progetto non ha perso tempo nel ribadire che il progetto presentato dal suo predecessore sarà realizzato:

"Non ho ancora avuto il tempo materiale di guardare il progetto né di approfondirlo con il Comandante e con l'ex assessore. Conosco ovviamente la bozza e so che la città lo attende da tempo. Ma basti pensare che sono assessore da due giorni e mezzo. Qui di fronte a voi ed ai cittadini mi assumo l'impegno di affrontare il problema affinché il semaforo venga portato a compimento".